Ministro Costa e fossile lucano: “chiediamo azioni concrete”

Il ministro dell’Ambiente Costa viene in Basilicata e le associazioni ambientaliste ritornano a chiedere azioni  concrete per la difesa del territorio e nello specifico, azioni politiche e norme di legge per introdurre:

1)il divieto di trattare i reflui petroliferi (con radioattività naturale ) nei corsi d’acqua,visto le enormi quantità prodotti nelle estrazioni petrolifere.

2) Inclusione dell’air gun tra i reati ambientali allo stesso modo di come  propose lo stesso m5s durante la legislatura Renzi-Galletti

4) Piani di tutela dei bacini idrici e idropotabili in considerazione del fatto che la Basilicata da acqua a 4 regioni e a 3 milioni di abitanti per il potabile

3) Parere negativo VIA  permesso di ricerca petrolifera D84   MAR JONIO

4) Parere negativo VIA  permesso Monte Cavallo  SHELL   ( La commisSione tecnica ha dato parere favorevole)

5)Parere negativo VIA  pozzo Alli 5 – Marsico ( Pz)

6)Procedimento Pozzo San Tedodoro, il pozzo non ha avuto l’eslusione VIA ma il procedimento andrà richiesta la VIA

7) Sull’eolico il ministro può bloccare le VIA  in attesa di una SEN dove venga applicata anche sulle rinnovabili  la democrazia dell’energia e non la solita speculazione sui territori  e sugli incentivi. in Basilicata la produzione nominale di eolico tra i progetti esistenti e quelli da mettere in cantiere sfiora  i 1600 MW ( la potenza di 2 centrali nucleari )

8 ) Per il rinnovo delle concessioni in Val d’Agri e nel metapontino resta responsabile Di Maio al di là del nuovo emendamento moratoria del governo sui permessi di ricerca e pertanto chiediamo azioni responsabili per la tutela del territorio

NO SCORIE TRISAIA, MAMME LIBERE, MEDITERRANEO NO TRIV

Potrebbe interessarti
Articoli correlati
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
RICEVI GRATIS LE NOSTRE NOTIZIE