Curiosità, Notizie dall'Italia e dal Mondo

L’attesa è forte per portare le due ruote al centro polifunzionale di contrada Lavagnone


La Basilicata è una regione ricca di talenti in vari ambiti fra i quali quello sportivo, come il giovane Mattia Varalla campione regionale under 23 di ciclocross, ma che ancora risente di un certo ritardo infrastrutturale che ne agevoli le attività.

Tuttavia, di recente l’amministrazione comunale di Potenza è intervenuta per la gioia di tutti gli appassionati delle due ruote del comprensorio potentino, andando a colmare quel vuoto di una struttura locale adatta adatta a tutte le discipline ciclistiche. Ed ecco che la Giunta Comunale, con la delibera n. 322, ha approvato le linee di indirizzo per la gestione dell’impianto sportivo di contrada Lavangone.

Si tratta della definizione dei termini per la concessione in gestione di un impianto sportivo abbandonato da svariati anni, che si vuole fare in modo di restituire alla comunità con la finalità di destinarlo agli sport che si praticano su mezzi a due ruote.

L’assessora allo sport del Comune di Potenza, Patrizia Guma, ha dichiarato con orgoglio: “L’attenzione a queste discipline sempre praticate nelle nostre città, anche con risultati di rilievo per alcuni atleti, uno su tutti, Ivan Di Bello, tragicamente scomparso, prima valente atleta e poi il maestro di motocross, e la destinazione dell’impianto di Supercross, Bmx, E-bike cross e automodellismo off-road garantirebbe l’opportunità di dotare la città di Potenza di un impianto polifunzionale, il primo grado di poter ospitare la nuova disciplina dell’E-bike cross“.

Forte sostegno all’iniziativa è arrivato anche dal vicesindaco, Antonio Vigilante, che ha partecipato attivamente alla lunga interlocuzione con la Federazione Motociclistica Italiana e innumerevoli organizzazioni di appassionati praticanti di queste discipline per identificare quale potesse essere la soluzione migliore per dotare di un adeguato impianto anche il potentino.

La struttura di contrada Lavangone si è rivelata una scelta strategica sotto vari punti di vista. Da una parte è l’occasione giusta per andare a riqualificare un sito in degrado e dall’altra permettendo di poter fungere da location ideale per la possibilità di ospitare una tappa del campionato italiano di E-bike cross.

Da pochissimo la Federazione Motociclistica ha ammesso in Italia le competizioni con l’uso di bici elettriche, distinguendo tra quelle con potenza entro e oltre le 250 Watt per le discipline E-Bike Cross, E-Bike Enduro e Urban EBX. Ciro Sangiorgi, redattore presso PazziperilFitness, ci spiega che le sessioni di allenamento incorporano intervalli basati sulla frequenza cardiaca massima o sulla soglia di potenza funzionale, con il bisogno di affiancare agli esercizi aerobici la pratica sul mezzo per il mantenimento delle capacità di equilibrio su varie superfici.

Pur essendo discipline minori dietro c’è un grande lavoro atletico, che l’amministrazione ha avuto la sensibilità di recepire. Infatti, gli assessori non hanno esitato a sbilanciarsi nelle ambizioni di entrare a far parte delle tappe del campionato nazionale che per il momento sono solamente 5 in tutto. Un’occasione di rilancio per la cultura dello sport e per l’indotto economico, che andrebbe ben oltre il giorno di ospitalità della singola gara.

Potrebbe interessarti
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com