Eventi in Basilicata

Festival delle 100 scale torna a Potenza con “Acqua di Colonia” di Frosini/Timpano

Sabato 23 settembre al teatro Stabile di Potenza, con umorismo dissacrante tra passato e attualità

Vista dall’Italia, l’Africa è tutta uguale, astratta e misteriosa come la immaginavano nell’Ottocento; Somalia, Libia, Eritrea, Etiopia sono nomi, non paesi reali, e comunque “noi” con “loro” non c’entriamo niente; gli africani stessi sono tutti uguali. E i profughi, i migranti che oggi ci troviamo intorno, sull’autobus, per strada, anche loro sono astratti, immagini, corpi, identità la cui esistenza è irreale: non riusciamo a giustificarli nel nostro presente. Come un vecchio incubo che ritorna, incomprensibile, che ci piomba addosso come un macigno. Ecco perché non è acqua passata, l’acqua di colonia.

Il festival Città delle 100 Scale, dopo una parentesi materana, torna nel capoluogo lucano con uno spettacolo attuale e dissacrante. Sabato 23 settembre alle 20.30 nel teatro Francesco Stabile di Potenza andrà in scena Acqua di colonia, di Frosini/Timpano. Lo spettacolo ci riporta al colonialismo italiano, una storia rimossa e negata, che dura 60 anni, inizia già nell’Ottocento, ma che nell’immaginario comune si riduce ai 5 anni dell’Impero Fascista.

 

FROSINI/TIMPANO
Elvira Frosini e Daniele Timpano con i loro lavori sono presenti e rappresentati in numerosi teatri, festival e contesti
performativi in Italia e all’estero, con una forma espressiva che si è andata incentrata nel corso degli anni sul corpo
come prodotto di cultura, convenzioni, rapporti di potere, comunicazione e politica. Tante le performance realizzate
nel corso di questi anni. A partire da Dux in scatola, Risorgimento pop. E ancora Report#01, Ecce robot!, Sì l’ammore
no, Ciao bella, Digerseltz, Zombitudine e Alla città morta prima epistola ai romani del 2014 per il progetto Ritratto di
una capitale, Carne e Acqua di colonia.
Diversi anche i riconoscimenti ottenuti. Dux in scatola finalista ai premi Scenario e Vertigine mentre Risorgimento pop
è rappresentato a Parigi, Reperto#01 tra i migliori al Vda come Sì l’ammore no al Dante Cappelletti. Nel 2014, Rai5
produce un documentario su di loro nel ciclo Roma: la nuova drammaturgia. Nello stesso anno partecipano come
autori e interpreti a Ritratto di una capitale. Creano e realizzano le rassegne Generatore X, Uovo, Ubu Settete e
progetto Novo critico, incontri tra giornalisti e nuova scena contemporanea, Ecce performer e In questo stato sulle
drammaturgie possibili.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Adblock Detected

Attiva gli annunci per continuare a visitare il sito.
RICEVI GRATIS LE NEWS