Cronache

Conclusa l’operazione della Polizia di Stato “Mercurio Eye Insurance”


Si è conclusa anche in Basilicata, l’operazione ad alto impatto della Polizia di Stato, denominata “Mercurio Eye Insurance“, iniziata lo scorso 3 luglio e durata sino all’8.

Pianificata a livello nazionale dalla Direzione Centrale Anticrimine e dalla Direzione Centrale per la Polizia Stradale, Ferroviaria, delle Comunicazioni e dei Reparti Speciali della Polizia di Stato, in collaborazione con l’ANIA, finalizzata a contrastare la circolazione dei veicoli privi di valida assicurazione, i c.d. veicoli “fantasma”, l’operazione ha interessato anche la provincia di Potenza.

La necessità di contrastare il fenomeno in argomento appare ancor più stringente in considerazione della diretta incidenza sulla “pirateria stradale”, in quanto la condotta omissiva di chi si allontana senza prestare soccorso, dopo aver provocato un sinistro stradale, spesso deriva dal fatto di circolare senza una copertura assicurativa.

L’operazione, ha visto nel capoluogo potentino il dispiegamento di circa 80 pattuglie con l’impiego complessivo di 184 operatori della Polizia di Stato dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Potenza e del dipendente Commissariato della P.S. di Melfi, della Polizia Stradale e del Reparto Prevenzione Crimine Basilicata.

Le aree interessate, sono state, oltre a quelle del capoluogo Lucano e zone limitrofe, anche quelle del Vulture-Melfese e del Lagonegrese, dove in totale sono stati controllati 2.083 veicoli ed identificate 430 persone, mentre, 169 le violazioni accertate e 24 i veicoli sottoposti a sequestro amministrativo perchè privi di copertura assicurativa.

Nel corso dei servizi è stato impiegato il sistema “Mercurio”, la piattaforma tecnologica della Polizia di Stato utilizzata per il controllo del territorio che consente di leggere automaticamente le targhe, riconoscendone al momento i numeri e le lettere con comparazione con quelli presenti nell’archivio delle auto rubate nonchè, grazie anche al collegamento con l’ANIA, delle targhe prive di copertura assicurativa.

Rocco Becce robexdj@gmail.com

 

 

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com