Primo PianoNotizie dal Territorio

Ass. Bene Comune: “una comunità attiva per poter rispondere ai rischi presenti sul territorio”

Presentazione del Piano di Sicurezza Comunale per l’esercitazione di protezione civile del 27-28 ottobre


Si è svolto a Viggiano, presso la sala convegni del Centro Sociale “Alberti-Marone”, venerdì 29 settembre u.s., promosso dalla locale Associazione “Bene Comune”, un incontro-dibattito sul tema “Pianificazione e prevenzione per la sicurezza dei cittadini”, che ha riguardato la presentazione del Piano di Sicurezza Comunale e l’illustrazione delle modalità di un’esercitazione di protezione civile, in preparazione di quella che si svolgerà il 27 e il 28 ottobre a seguito di emergenza simulata.

Il Presidente dell’Associazione Vittorio Prinzi nel suo intervento introduttivo ha sottolineato che compito, tra gli altri, di “Bene Comune” è rendere un servizio alla comunità locale aiutandola ad esercitare una cittadinanza attiva, la quale sia capace di avvalersi di strumenti di conoscenza e diventi sempre più consapevole per rispondere alle emergenze connesse ai rischi presenti nel territorio in cui vive. Solo così la “resilienza”, ossia quella capacità di una comunità di far fronte agli eventi calamitosi derivanti dai vari generi di rischio (sismico, idrogeologico, meteorologico, industriale…), esce fuori da astrazioni verbali e diventa operativa  sul campo. E Viggiano è certamente una comunità che non deve solo fregiarsi del riconoscimento di “comunità resiliente”, ma lo deve essere sempre più di fatto, sia per l’alto rischio sismico che per l’ubicazione del Centro Olio nel suo territorio. Al raggiungimento di  questo obiettivo, appunto, intende contribuire l’Associazione “Bene Comune”.

Il Vice Sindaco di Viggiano, avv. Rosita Gerardi, ha portato il saluto dell’Amministrazione Comunale e il plauso alla Protezione Civile locale per l’opera costante che svolge a favore della comunità e del territorio. Quanto al Piano di Sicurezza, esso è stato approntato all’indomani dell’insediamento della sua amministrazione, nel 2015, ed è stato approvato contestualmente, come richiedeva la Legge, al Piano Urbanistico, nel quale occorreva individuare aree a servizio della popolazione in caso di eventi disastrosi.

Ad illustrare il Piano di Sicurezza Comunale è stato il dott. Antonello Priore, redattore del Piano stesso, il quale, dopo aver ricordato le norme che attengono alla predisposizione del Piano e all’obbligo dei Comuni di dotarsene, con attribuzione di responsabilità che fanno capo alla figura del Sindaco e ad una struttura comunale capace di mobilitarsi in caso di calamità per organizzare interventi idonei, in collegamento con tutta la macchina dei soccorsi, si è occupato della parte più operativa che riguarda il cittadino. E a tal proposito ha mostrato, con l’aiuto di opportuna cartografia, l’ubicazione del Centro Operativo Comunale, le strutture idonee per i soccorsi, le vie di fuga da ogni punto dell’abitato, le aree di sosta e di raccolta…., con una serie di regole da rispettare per tutelare la propria e l’altrui incolumità. Viggiano, quanto ai soccorsi immediati, gode del vantaggio di avere una struttura operativa della Protezione Civile da colonna mobile; quanto, invece, ai soccorsi esterni, se da un lato è penalizzato, poiché sulle due strade principali d’accesso al paese vi sono ponti (Pignatara e Casale), dall’altro ha presso la sede della Protezione Civile l’eliporto, che può sopperire in ogni tipo di soccorso. Il dott. Priore ha rilevato le difficoltà le maggiori difficoltà di porsi in salvo, in caso di sisma, di coloro che abitano nel centro storico, ed ha sottolineato, a conclusione del suo intervento, la necessità dell’aggiornamento periodico del Piano e soprattutto della conoscenza dello stesso da parte dei cittadini; giace qui la vera utilità del Piano.

E’ intervenuto, poi, il dott. Giuseppe Priore, responsabile del Gruppo Lucano della Protezione Civile, il quale ha affermato che molto è stato fatto a Viggiano nel campo della protezione civile dagli anni Novanta in poi e quasi senza volerlo la comunità di Viggiano, grazie alle Amministrazioni Comunali e alla presenza in sede idonea del Gruppo di Protezione Civile, ha costruito nel tempo un assetto urbanistico e socio-culturale tale da essere individuata come “resiliente” e da essere premiata per questo a livello internazionale. Ciò, tuttavia, impone altri traguardi per diventare “modello” concreto di sicurezza, in una realtà come quella regionale in cui spesso appaiono resistenze culturali ed istituzionali, che non fanno crescere in maniera adeguata le realtà locali. In tale contesto,Viggiano si prepara ad ospitare, anche in vista del 160° anniversario del terremoto del 1857, una manifestazione internazionale con la partecipazione di Paesi come il Messico, la Bielorussia, la Grecia, la Polonia… per il 27 e 28 ottobre ed per tale occasione sarà organizzata la simulazione di un evento calamitoso, alla quale è invitata a partecipare l’intera comunità. Per questo il dott. Priore ha illustrato il progetto dell’esercitazione e le modalità di coinvolgimento e di spontanea partecipazione di tutti i cittadini di Viggiano, che nei prossimi giorni saranno variamente informati da volontari della Protezione Civile sulle iniziative da intraprendere.

Per le foto dell’incontro cliccare qui

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com