Truffa delle mascherine in Piemonte, raggirato anche il comune di Terranova del Pollino

L’unica mascherina esistente era quello che aveva sul volto. Sì perché l’imprenditore di Vercelli – denunciato dalla Guardia di finanza di Torino per truffa – non era in grado di vendere nessuno dei prodotti che aveva pubblicizzato su un un sito particolarmente accattivante.

L’imprenditore millantava di poter vendere mascherine FFP1, FFP2, FFP3. Naturalmente i prezzi erano imbattibili ed in pochi giorni sono piovuti sui suoi conti correnti centinaia di bonifici per decine di migliaia di euro. Come tutti sanno le mascherine – introvabili, e in alcuni casi inutilizzabili – sono diventate un bene di prima necessità per i medici impegnati in prima linea con il coronavirus, agli ammalati e a chi gli sta vicino. E così il claim non poteva non trarre in inganno tantissime persone e anche due enti pubblici in Piemonte e in Basilicata.

Il comune in Basilicata coinvolto dalla truffa è Terranova del Pollino, le maschere – inutile a dirsi – erano destinate alla protezione del personale oppure alla successiva distribuzione ai servizi di assistenza.

Gli investigatori spiegano che è necessaria la massima attenzione nell’acquisto dei dispositivi di protezione individuale; in questi giorni infatti numerosi sono i siti dedicati al commercio di detti articoli come numerose sono le aziende che hanno rimodulato la loro produzione a tale scopo. Meglio avviare degli acquisti in quantitativi ridotti per assicurarsi della qualità dei prodotti e degli stessi fornitori.

Potrebbe interessarti
Articoli correlati
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
RICEVI GRATIS LE NOSTRE NOTIZIE