Libretti al portatore: necessario estinguerli entro il 31 dicembre 2018

È fissato al 31 dicembre il termine ultimo per estinguere un libretto al portatore ossia il famoso deposito a risparmio senza un titolare che può essere utilizzato da chiunque ne sia in possesso.

Il libretto a risparmio in voga decenni fa era uno strumento particolarmente utilizzato per donare delle somme di denaro ai nipoti o ai figli minorenni, con l’obiettivo di rendere disponibili le somme depositate alla maggiore età.

La nuova direttiva europea prevede però l’estinzione di tale supporto cartaceo essendo utilizzabile per il riciclaggio di denaro sporco. Questi libretti infatti consentivano il deposito di denaro contante senza che la Banca o la Posta effettuassero alcuna verifica su chi agisce e chi è il titolare effettivo.

Prima del 31 dicembre è indispensabile che coloro che detengono un libretto al portatore si rechino agli sportelli della propria banca o di Poste Italiane posta e ne richiedano la regolare estinzione.

SI PUÒ CONVERTIRE IL LIBRETTO AL PORTATORE IN UNO DI RISPARMIO NOMINATIVO; TRASFERIRE L’IMPORTO COMPLESSIVO DEL SALDO DEL LIBRETTO SU UN CONTO CORRENTE O SU ALTRO STRUMENTO DI RISPARMIO NOMINATIVO; CHIEDERE LA LIQUIDAZIONE IN CONTANTI DEL SALDO DEL LIBRETTO.

Per chi dovese arrivare in ritardo è previsto comunque il versamento delle somme, ma la banca sarà obbligata a inoltrare una comunicazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze che potrà applicare una multa da 250 a 500 euro. Diversa la procedura per chi ha smarrito il libretto, in questo caso bisognerà avviare l’iter per l’ammortamento.

Potrebbe interessarti
Articoli correlati
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
RICEVI GRATIS LE NOSTRE NOTIZIE