Società e Cultura

L’Associazione Culturale Marinelli esprime solidarietà al Centro Internazionale di Dialettologia della Basilicata


L’Associazione Culturale Vincenzo Marinelli esprime piena solidarietà al Centro Internazionale di Dìalettologia della Basilicata, orgoglio della nostra regione e fiore all’occhiello dell’Università della Basilicata. L’istituzionalizzazione del Centro permetterebbe all’organismo di diventare un istituto di alta formazione permanente.

L’attuale stato di precarietà rischia di compromettere l’attività di chi, giorno dopo giorno, si è impegnato per la ricerca e la valorizzazione del nostro patrimonio linguistico e culturale.
Il Centro, negli anni, si è affermato anche a livello internazionale, portando all’attenzione della comunità scientifica mondiale l’enorme patrimonio linguistico dei 131 paesi della Basilicata, avviando collaborazioni che hanno permesso al nostro patrimonio linguistico di diventare oggetto di studio e attenzione di prestigiose
Università, come Cambridge, Oxford, Pisa e Napoli.

La Prof.ssa Del Puente lancia una petizione per salvare il Centro Internazionale di Dialettologia

 

Come Associazione Culturale Vincenzo Marinelli possiamo testimoniare il valore del lavoro svolto dal Centro sui territori, essendo noi stessi partecipi di un corso sull’alfabetizzazione dialettale, tutt’ora in corso qui a San Martino d’Agri, occasione imperdibile di studio e confronto sulla nostra lingua, a cui prendono parte anche numerosi concittadini, portatori della cultura linguistica locale, ma anche curiosi nel voler approfondire i meccanismi che si nascondono dietro all’affascinante mondo della linguistica dialettale.
Dare continuità alle attività fin qui svolte vorrebbe dire non disperdere il lavoro fatto e dare una nuova spinta a nuovi e sempre più interessanti ricerche.

Potrebbe interessarti
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com