Società e Cultura

Lagonegro: La cittadella giudiziaria diventerà presto realtà

L’ufficio del Giudice di Pace circondariale avrà una nuova sede in piazza Tribunale

Si completa il progetto della «cittadella giudiziaria» di Lagonegro. Presto, infatti, l’ufficio del Giudice di Pace circondariale avrà una nuova sede, in piazza Tribunale, nel palazzo che oggi ospita l’Agenzia delle entrate. Prende così logisticamente corpo una vera e propria cittadella della giustizia che vedrà nelle vicinanze del Tribunale sia la sede della Procura della Repubblica sia, in vista dell’imminente avvio dei lavori, la sede del Giudice di Pace. Un risultato che fa seguito alla riforma delle circoscrizioni giudiziarie che ha unito i territori del Lagonegrese e del Vallo di Diano rendendo il Tribunale e la Procura di Lagonegro gli uffici preposti a tutta la fascia sud sia della Basilicata sia della Campania, al servizio di circa 200 mila abitanti. Nei giorni scorsi è stato fatto un sopralluogo nel palazzo che ospita gli uffici dell’ Agenzia delle entrate per verificare che i locali siano adatti ad ospitare l’ufficio del Giudice di Pace.

Al sopralluogo hanno partecipato il presidente del Tribunale, Matteo Claudio Zarrella, il funzionario dirigente dell’ufficio del Giudice di Pace, Biagio Costanzo, l’assessore ai lavori pubblici del Comune, Giovanni Santarsenio, il capogruppo di maggioranza in consiglio comunale, l’avvocato Giuseppe Sabella, il responsabile dell’ufficio tecnico, l’architetto Gaetano Sangineto, il direttore regionale dell’Agenzia delle entrate, Augusto Pellegrini, e l’avvocato Michele Canonico, in rappresentanza del comitato a salvaguardia dell’ufficio del Giudice di Pace. Oltre agli uffici del Giudice di Pace, il palazzo di piazza Tribunale ospiterà anche una sezione speciale per gli affari di famiglia (istituita per la prima volta nel Tribunale di Lagonegro) e gli uffici di presidenza del Tribunale. «Il tutto – spiega il presidente Zarrella – consentirà al nostro polo giudiziario di essere all’avanguardia e di avere locali idonei e funzionali, tra l’altro con una spesa minima visto che si tratta di spazi già per la maggior parte allestiti ad uso uffici che altrimenti rimarrebbero vuoti. Inoltre, la Procura che oggi ospita, in una parte del suo stabile, l’ufficio del Giudice di Pace, potrà recuperare quei locali e quindi avere più spazi a disposizione per le proprie attività». La Regione ha stanziato 50 mila euro: servono per il restyling del tetto del palazzo che ospiterà il giudice di pace. A questo finanziamento ne dovrebbe seguire un altro per completare il resto dei lavori. Per il presidente del Tribunale la nuova sede del Giudice di Pace rappresenta la ciliegina sulla torta del suo mandato a Lagonegro.

FONTE. PINO PERCIANTE – LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
RICEVI GRATIS LE NEWS