Primo PianoSocietà e Cultura

La Basilicata ha il suo inno: pubblicato in rete “Fiore di Lucania” (Ascolta)

E’ stato pubblicato domenica su YouTube “Fiore di Lucania”, lo splendido inno della Ruralità Lucana. Una canzone splendida che racchiude in sè tantissimi aspetti della nostra regione, in primis le sue tipicità. Un progetto, quello dell’inno, voluto dal Gal Csr Marmo Melandro, e realizzato dal centro di produzione televisivo Family Life. La canzone, quasi totalmente rivisitata, vede il coordinamento artistico di Gianpiero Francece e Giuseppe Marco Albano, con arraggiamenti musicali di Antonio Deodati. L’è anche un messaggio di bontà, benessere e salute proveniente direttamente dalla terra lucana. Nella canzone vengono ricordati: il canestrato di Moliterno, tartufo di Muro Lucano, peperone di Senise, salsiccia di Cancellara, olio di Ferrandina, Soppressata di Rivello, pecorino di Filiano, Lucanica di Picerno, arancia di Tursi e Montalbano, peperoncino di Satriano, percoca di Rotondella, aglianico del Vulture, marroncino di Melfi, fagiolo di Sarconi, melenzana rossa di Rotonda, caciocavallo di Pescopagano e pane di Matera.

Il videoclip realizzato da Giuseppe Marco Albano dell’Inno musicale della Ruralità Lucana, scritto da Gianpiero Francese, Giovanni Sileo e Nicola Manfredelli, arrangiato da Antonio Deodati e interpretato da Graziano Accinni, Agostino Gerardi, i Renanera, i Cant’Ieri, Danilo Vignola, Giò Didonna, i Suoni di Terranova del Pollino, i Basiliski Roots, Antonio Nicola Bruno, Tiziano Cillis, la Banda musicale di Melfi. Con la partecipazione speciale di Dino Paradiso e del trio La Ricottta. Tantii bravissimi artisti e musicisti lucani che hanno condiviso l’originale progetto promosso dal Gal Csr Marmo Melandro. Si tratta di un racconto artistico video musicale che abbraccia le più importanti prelibatezze enogastronomiche dei luoghi della Basilicata. Importante è la finalità dell’inno: c’è la proposta di dar vita ad un protocollo di impegni tra la Regione Basilicata, il Gal, gli autori e gli artisti, per mettere insieme contributi pubblici e privati per un progetto di solidarietà “I prodotti lucani per la fame nel mondo”, avvalendosi anche della Fao. Si sta pensando ad esempio di contribuire a combattere la fane nel mondo anche con un container di prodotti lucani. Insomma, “Fiore di Lucania” un brano per il nutrimento umano. “Un progetto di condivisione e di promozione -ha sottolineato il direttore del Gal Nicola Manfredelli- sul valore sociale, economico e culturale delle tradizioni alimentari legate alla produzione della civiltà contadina, offrendo ai cittadini una immagine di fiducia del patrimonio alimentare locale. Ma anche un progetto di comuniaczione e di educazione”. L’anteprima è stata presentata giovedì scorso durante la tappa numero 11 di DOR a Tito Scalo.

FONTE: MELANDRONEWS

IL TESTO – “Fiore di Lucania” (G. Francese, G. Sileo, N. Manfredelli)

La vita nu m’ dà nu poc d pac
La vita nu m’ dà nu poc d luc
La vita nu m’ dà, nu me dà, nu me dà
Ma si c’ vuò pensà…

E si fa tropp fridd p’ tutt l’inverno
M’ mang lu furmagg d’ Molitern
E se a Muro Lucan scav nu purtus
T zompa assopa li man nu sort d’ tartuf
E se ti voui levare la cammis
T rong u’ Peperon d’ Senis

Famm sta buon e numm fa pensà
A tutte chelle cos ca la vita nun me dà
Nun me dà num me dà e nun me dà

E quann a medicina è troppo amara
Attaccat a’ nu’ cap’ e salame e Canellara
Iuorno e notte, sera e matina
A meglia cura è l’olio ‘e Ferrandina
E se ti vuoi sentire nu’ Re ntà nù castello
Nu’ t’a’ d’a’ mai mancà a zopersata di Rivello

Famm sta buon e numm fa pensà
A tutte chelle cos ca la vita nun me dà
Nun me dà num me dà e nun me dà

E si ma lass sul e te ne vai luntan
M’ mang u’ pecurin d’ Filian
E po p’ fin’ e diavul d’ lu ‘nfiern’
Sì vulessr abbuffà cu a’ sauzizz d’ Piciern’
E p’ m’ fa passà da cuorp’ chesta smania
M’ magn’ ‘u fior fior d’ la terra d’ Lucania

Famm sta buon e numm fa pensà
A tutte chelle cos ca la vita nun me dà
Nun me dà num me dà e nun me dà

Int’a li giardin addò s’ zappa e nun s’abbal
a Tursi e Montalbano ‘ncappa ‘ncappa ‘u purtuall
e si attuorno a Satriano uè ti passa ‘u pensierino
ma quante ne combina stu peperoncino
e po pe t’aggiustà sta vocca doce e bella
nun ce sta niente e meglio c’o’ percoco ‘e Rotondella

Famm sta buon e numm fa pensà
A tutte chelle cos ca la vita nun me dà
Nun me dà num me dà e nun me dà

Rionero Rapolla Barile e Venosa
La mano e lu bicchier so’ ‘na sola cosa
E propt lì vicin sott’ alla montagna
C’ sta la grande Melfi e nu mar d’ castagn
E se quelli di Sarconi so’ senza virtù
Saranno i fagioli a fargli fare boom boom!

Famm sta buon e numm fa pensà
A tutte chelle cos ca la vita nun me dà)
Nun me dà num me dà e nun me dà

E po’ nun te’ dico e po’ nun t’ conta
ma quant’è rossa rossa ‘a mulignan d‘ Rontonda
E Primm’ si scinn’ e po’ s’acchian’
È qua ‘o casecavall’ e Pescopagan’
Ma quann’e’ sera attuorno a cimminera
T’ basta ‘nu stuozzo e‘ pan’ d’ Matera

Famm sta buon e numm fa pensà
A tutte chelle cos ca la vita nun me dà
Nun me dà num me dà e nun me dà

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com