CronachePrimo Piano

Il sindaco di Viggiano Amedeo Cicala risponde all'articolo della Gazzetta del Mezzogiorno


CatturaPubblichiamo la risposta alla “Gazzetta del Mezzogiorno” da parte del sindaco di Viggiano, Amedeo Cicala, in merito ad un articolo dell’8 agosto dal titolo: Viggiano, ma lo svago crea sviluppo?

Non concordo quando si afferma che non vi é una programmazione di sviluppo a Viggiano e penso che vi sia poco approfondimento su quello che si sta facendo a Viggiano.

Eppure in questo anno abbiamo fatto molta comunicazione. Tanto per dire le cose più importanti :
1) Bando occupazione tre esteso anche ai paesi del p.o. Val d’Agri che sta dando i primi risultati;
2) Creazione della Bacheca Lavoro per aiutare chi cerca lavoro e avere numeri più certi sulla disoccupazione;
3) Tavolo Permanente sul Lavoro che ha visto riuniti per quasi un anno e a cadenza settimanale i Sindaci della Valle, Eni e indotto con discreti risultati sul piano occupazionale;
4) Forte accelerazione sui bandi pic casa sicura e cappotto e copertura che hanno assicurato molta occupazione anche ad imprese della Valle;
5) Potenziamento della macchina amministrativa per stare al passo con i tempi delle imprese e le richieste dei cittadini;
6) A breve apertura della ex clinica Nigro Pellettieri , altra occupazione e altro servizio per la Valle. DOPO TRENT’ANNI di rinvii per l’apertura. Martedì prossimo ancora una volta in Regione per accelerare l’iter;
7) Questo Consiglio comunale ha adottato il nuovo regolamento urbanistico.DOPO 15 ANNI. Atto di fondamentale importanza per ogni comune d’Italia in termini di economia e occupazione;
8) Dopo 8 anni ultimazione degli espropi della nuova zona PIP per dare la possibilità a molte imprese di insediarsi nel nostro territorio e
fare occupazione;
9) Tavolo sul lavoro e indotto Eni in Regione richiesto fortemente da me al Tavolo della Trasparenza (attraverso questi strumenti spesso si salvano molti posti di lavoro);
10) Ultimazione della mensa scolastica in tempi strettissimi e Villa del Marchese;
11) Potenziamento progetto Reti circa 90 occupati (apertura sentieri e decoro del territorio);
12) Messa in sicurezza centro storico attraverso interventi mirati e alcuni già realizzati;
13) Piantumazione di mille alberi ( le royalties furono concesse per mitigazione ambientale e sviluppo);
14) A breve bando sul mondo dell’agricoltura e dell’allevamento (che tante soddisfazioni sta dando sul lato economico occupazionale) e bando sulle energie rinnovabili;
15) Progetto montagna (piste da sci, valorizzazione patrimonio religioso e tanto altro).
Il nostro obiettivo è creare un sistema di produzione della ricchezza e quindi posti di lavoro alternativo al mondo del petrolio e ci stiamo lavorando in modo spasmodico.
Scusatemi la battuta sento di Sindaci che quando si candidano per la seconda volta dicono ai propri elettori che i primi 5 anni servono per programmare è gli altri 5 per realizzare…
Questa amministrazione invece in un anno ha fatto tanto e continuerà a farlo.
Mi fermo qua ma potrei continuare per molto.
Viggiano sotto un profilo occupazionale ed economico in un anno ha cambiato volto. Venite e vedete il movimento di imprese e persone che si adoperano tra lavori privati e pubblici.
QUESTA AMMINISTRAZIONE HA UNA VISIONE POLITICA A LUNGO RAGGIO SUL PIANO ECONOMICO ED OCCUPAZIONALE CHE STA INTERESSANDO NON SOLO VIGGIANO MA L’INTERA VALLE.
Ma veniamo ai conti l’anno scorso il Comune di Viggiano ha avuto una capacità di spesa pari alle royalties incassate. Altresí dai calcoli delle royalties incassate che leggo sopra e dalla spesa preventivata per eventi si evince che viene speso solo un piccolissimo importo in percentuale (che ribadisco servono a portare sviluppo, ma sono solo un segmento di un progetto più ampio e alternativo al mondo del petrolio). PERTANTO, il 95% viene speso per sviluppo e occupazione.
Con il teatro tenda vogliamo dare possibilità diverse ai nostri giovani. Ma attenzione é solo una piccola parte del nostro programma . É sbagliato pensare e dire che da questo investimento risolviamo tutto o noi abbiamo puntato tutto. Tra l’altro grazie alla perseveranza di questa amministrazione l’ Eni si è accollata quasi l’intera cifra.
Da precisare che il Comune di Viggiano spesso non partecipa a bandi regionali per dare la possibilità ad altri oppure partecipa con proprie risorse ad iniziative comprensoriali. Ormai non prendiamo alcun contributo anche per le feste più importanti e a valenza regionale perché ci dicono giustamente a Viggiano non serve.
Vedete altri comuni quanto prendono…
Molte delle feste estive tra l’altro hanno un fine altruistico:
1) festa del ferricello , ricavato all’airc;
2) expo rurale , ricavato all’associazione che aiutano persone down;
3) festa della solidarietà
4) vini sotto le stelle , ricavato all’ANT e tante altre piccole manifestazioni ed eventi.
In questi eventi partecipano anche tanti volontari, solo i soldi non bastano per una buona riuscita di un evento. Poi con altri eventi valorizziamo le nostre tradizioni e le trasmettiamo cosa piú importante alle nuove generazioni, come ad es la Rassegna dell’Arpa .
Tra l’altro, attraverso questi eventi valorizziamo e promuoviamo i nostri prodotti e quindi non sono manifestazioni che si chiudono in una serata.
Poi Viggiano d’estate é diventato un punto di riferimento non solo per i tanti turisti ma anche per i valligiani, in quanto a causa dei numerosi tagli ai comuni e della crisi ormai cronica trovano almeno nel nostro comune un momento di relax e di socializzazione.

O FORSE I CITTADINI DELLA VAL D’AGRI DEVONO SOLO PIANGERE LACRIME NERE INTRISE DI PETROLIO E NON DEVONO INTERESSARSI DI EVENTI, DI CULTURA, DI STORIA LOCALE, DI TRADIZIONI. Dobbiamo secondo queste persone stare chini sul fatturato e fare da bancomat agli altri.
Forse la CULTURA si é deciso di farla solo altrove sempre però con i soldi delle royalties. O forse è meglio dare questi soldi, cosí come sta avvenendo, a chi in tanti anni ha fatto un mare di DEBITI, senza lasciare nulla ai propri cittadini.
Non rispondo di ciò che hanno fatto le precedenti amministrazioni in quanto quella da me guidata é in discontinuità sotto un profilo politico.
Alla domanda lo svago crea sviluppo? Certamente si e non devo dirlo io per vedere in quante parti nel mondo vi sono dei veri e propri sistemi economici di varia forma che si reggono sullo svago.
A Viggiano vengono chieste cose straordinarie sotto tutti i punti di vista non solo economico occupazionale. Oggi senza volerlo un tranquillo paese del Sud si trova catapultato sulla scena internazionale e in mezzo ad interessi rilevanti. Questa amministrazione ne é consapevole e sente la grande responsabilitá sulle spalle e ha la forte intenzione di fare cose straordinarie.

Tanto altro avrei da dire, ma mi fermo qua. Chiedo scusa per la forma.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com