Cronache

Giornalisti intercettati, Assostampa e Odg Basilicata: Sconcerto per una deriva inquietante


Assostampa e Ordine dei Giornalisti della Basilicata in una nota esprimono preoccupazione per i giornalisti intercettati dalla Procura di Trapani.

“Giornalisti che raccontano vicende di migranti, di tragedie avvenute in mare, di soccorsi effettuati o negati. Giornalisti minacciati di morte da bande criminali. E la Procura di Trapani cosa fa?

“Anziché proteggermi, mi intercettavano. Mentre le Intelligence di altri Paesi mi guardavano le spalle”, denuncia Nancy Porsia, giornalista free-lance lucana, esperta di vicende libiche, intercettata mentre interloquiva con le sue fonti, discorreva con la sua legale, l’avvocata Alessandra Ballerini, e faceva il punto, tra l’altro, su indagini riguardanti il caso Giulio Regeni.

L’Ordine regionale dei Giornalisti e l’Associazione della Stampa di Basilicata apprendono con stupore e sconcerto la notizia pubblicata dal quotidiano “Domani” che, se confermata, segnerebbe una deriva inquietante in materia di rispetto del diritto di cronaca e dell’esercizio della libertà di stampa nel nostro Paese.

Ordine regionale dei Giornalisti e Associazione della Stampa di Basilicata, nell’esprimere vicinanza e solidarietà a Nancy Porsia e agli altri cronisti sottoposti ad analogo trattamento (Nello Scavo, Sergio Scandurra, Francesca Mannocchi, Carla De Pasquale, Fausto Biloslavo), uniscono la loro voce a quella di Ordine nazionale e Fnsi quando – rivolgendosi alle autorità di garanzia – chiedono di fare piena luce su questa vicenda e sollecitano spiegazioni su come e perché sia stato possibile violare il segreto professionale dei cronisti ed effettuare trascrizioni delle conversazioni di persone, non sottoposte a indagini, impegnate a svolgere un’opera costituzionalmente tutelata”.

Potrebbe interessarti
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com