Politica

Arresto del terrorista Battisti, Pace (AP): anche la Basilicata attende giustizia per le vittime del terrorismo cadute per mano dei “cattivi maestri”

“Deve essere estradato in Italia e scontare la condanna che la giustizia italiana, in più occasioni, gli ha giustamente inflitto. Anche la Basilicata piange un suo cittadino barbaramente trucidato per mano del mano del terrorista Cesare Battisti”. Il consigliere regionale di Alternativa Popolare, Aurelio Pace, si unisce al coro di coloro che –per questa volta- apprezzano apertamente l’operato della magistratura brasiliana che ha arrestato il terrorista che negli anni ’70 si è reso protagonista di una lunga scia di sangue mentre era in procinto di passare la frontiera tra Brasile e Bolivia. Cesare Battisti, ricorda l’esponente centrista, non si è neanche pentito dei suoi delitti e del male che ha prodotto e ancora continua a fomentare. Il suo comportamento di voler rimanere al sicuro nell’accondiscendente stato brasiliano, senza spiegare le ragioni di quella stagione assurda e mostrare pentimento non ci consente di essere ulteriormente accondiscendenti né verso la sua persona né verso le ingiustificabili decisioni dei governi brasiliani che lo hanno accolto e sempre negato l’estradizione. Il terrorista si è macchiato anche di sangue lucano con il barbaro assassinio del giovane aviglianese Antonio Santoro, trucidato il 6 giugno del 1978 a Udine dove prestava servizio nella polizia penitenziaria. Anche la famiglia Santoro, il popolo lucano e italiano, sperano che con il nuovo arresto si possa mettere la parola fine ad una vicenda che, tra ideologismi, coperture politiche ed ideologiche, a distanza di quasi mezzo secolo ancora non trova una definitiva conclusione. “Nessunasete di vendetta verso chi, imbracciando armi e bandiere rosse –aggiunge il consigliere Pace– ha distrutto tante famiglie e rischiato di far capitolare lo stato democratico italiano, ma solo un grande desiderio di giustizia che non affonda le radici nel rancore, ma nell’equilibrio. Cesare Battisti –conclude l’esponente centrista– dovrebbe rientrare in Italia soprattutto per spiegare ai giovani cosa significa decidersi per la violenza, per dire la verità fino in fondo, per assumersi le proprie responsabilità di cattivo maestro”.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
RICEVI GRATIS LE NEWS