Lavoro e Salute

Sanità: assegnati alla Basilicata 2 milioni e 238mila euro per gli esami diagnostici dal medico di famiglia

E’ di 2 milioni e 238mila euro la quota assegnata alla nostra regione per consentire ai medici di base di offrire gratuitamente ai propri pazienti servizi di diagnostica di primo livello come  elettrocardiogramma, ecografia, spirometria, esame del fondo oculare o holter pressorio, un passo avanti nel percorso di riforma delle cure primarie per rendere il nostro sistema sanitario rispondente alle reali esigenze dei cittadini”.

A dichiararlo, in una nota, è il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Giovanni Vizziello, che così commenta la firma da parte del Ministro della Salute Speranza del decreto attuativo della misura contenuta in Legge di Bilancio e che prevede la possibilità per medici di famiglia e pediatri di dotarsi di strumenti di diagnostica di primo livello.



“ Il decreto” -spiega Vizziello- “rende concreto lo stanziamento dei 235 milioni di euro previsto dalla finanziaria 2020 per dotare i medici di famiglia e i pediatri di libera scelta di detti strumenti diagnostici di base, ma ora” -aggiunge l’esponente di Fratelli d’Italia-“ la palla passa alle regioni, che dopo l’ok al piano di riparto della Conferenza Stato Regioni avranno 60 giorni di tempo per predisporre un piano di utilizzo delle risorse assegnate e procedere quindi alle gare d’acquisto delle apparecchiature”.

“Occorre quindi promuovere al più presto una proficua concertazione con i rappresentanti dei medici di medicina generale”- sottolinea Vizziello- “ per comprendere quali sono le reali esigenze della medicina del territorio e sfruttare al meglio possibilità di investimenti che si prospettano essenziali sia per la valorizzazione della professionalità dei medici sia per  il miglioramento del livello di cure erogate ai cittadini lucani”.

 

Il Comitato “Non siamo un numero” e Sanità Futura: le liste di attesa sono tutt’altro che “in via di superamento”

Gli oltre 9mila lucani che hanno firmato la petizione popolare consegnata al Presidente Cicala non sono affatto convinti che le liste di attesa, vale a dire i ritardi di cura, sono “in via di superamento”. A sostenerlo è il Comitato “Non siamo un numero” e Sanità Futura, associazione delle strutture sanitarie private accreditate aperta da tempo all’adesione di pazienti, che hanno valutato i numeri e le affermazioni emersi in occasione della presentazione del bilancio 2019 dell’Azienda Ospedaliera San Carlo di Potenza.

La prima ragione di perplessità da evidenziare – si afferma in una nota – è che sulle liste d’attesa, se al San Carlo una riduzione è avvenuta per il blocco dell’intramoenia (come ha sostenuto dg Barresi), il ritardo per una mammografia o una visita cardiologica o diabetologica (solo per fare alcuni esempi) non sono cambiati nelle altre strutture pubbliche sul territorio. Del resto è lo stesso assessore alla Salute Leone a riconoscere che “il problema delle liste di attesa sta nel fatto che tutti i servizi sono concentrati negli ospedali e quindi i territori sono stati marginalizzati e lasciati a sé stessi” affermando che “i lucani la visita cardiologica o l’elettrocardiogramma la devono trovare a casa loro”.

L’assessore Leone “sfonderebbe una porta aperta” e meriterebbe un plauso se si confrontasse sulla griglia di proposte presentate al direttore generale del suo Dipartimento Ernesto Esposito, in occasione del tavolo sulle liste di attesa del gennaio scorso. Su questo problema abbiamo presentato una petizione sottoscritta da un numero di lucani mai visto prima, l’abbiamo sollecitata in IV Commissione consiliare, abbiamo proposto soluzioni vere e ragionevoli da applicare rapidamente e chiesto esattamente quel che dice l’assessore Leone: “più prestazioni e più servizi sui territori”.  Qualcuno dimentica che le strutture private accreditate hanno il diritto/dovere di dare questo aiuto al sistema pubblico? Abbiamo anche indicato le cause: circa il 20% del problema è dovuto a un deficit di produzione (insufficiente risposta alla qualità dei reali fabbisogni) un buon 15-20% dipende dalla mancata disdetta di pazienti che non si presentano per la visita-prestazione (gestione e pulizia delle liste di prenotazione), un buon 15-20% da “inappropriatezza”, vale a dire prescrizione di prestazioni non sempre sono necessarie e, in ultimo, l’informatica sanitaria dovrebbe essere minimamente indirizzata anche verso le strutture accreditate.

Il risultato fin qui ottenuto? Il tavolo sulle liste di attesa è sparito dall’agenda del confronto, i nostri territori perdono anche capacità di attrazione extraregionale e la “fuga” dei lucani aumenta  verso le regioni confinanti perfino per patologie meno importanti  – in proposito il direttore Esposito ha riferito che questo saldo negativo costerà alla Basilicata nel 2019 tra i 40 e i 42 milioni di euro che ci toglieranno dal trasferimento nazionale – i nostri indicatori ci dicono che la cifra invece si aggira intorno ai 52 milioni, ma vedremo i numeri ufficiali della Conferenza Stato-Regioni. Ebbene – sostengono “Comitato Non Siamo un numero” e Sanità Futura – dopo il primo tavolo siamo ancora in attesa di conoscere le valutazioni dell’assessore e del suo Dipartimento e, auspicabilmente, le sue decisioni. In proposito non può che preoccuparci la convocazione di un secondo tavolo per il 5 febbraio prossimo con all’odg tutt’altra questione che pure le associazioni hanno sollevato e ci preoccupa non poco anche l’eventualità che la gestione operativa di questo confronto possa essere gestita da chi nel passato ha creato i presupposti delle emergenze che oggi siamo chiamati a risolvere. Se si procedesse con questo “metodo”, almeno per noi – è scritto nella nota – non sarà possibile alcun confronto serio e produttivo poiché si tornerebbe ad un vuoto ritualismo tipico delle precedenti esperienze: sarebbe il miglior metodo per evitare accuratamente le soluzioni.

Oggi, tanto più che il presidente Bardi ha annunciato l’avvio dei lavori per redigere il nuovo Piano sanitario, l’assessore Leone ha anticipato alcune idee e pertanto, pur nel rispetto della scelta di affidare a sette esperti il lavoro ricognitivo, le associazioni e i comitati di pazienti vanno coinvolti, ascoltati e presi sul serio e perché no, si potrebbe scegliere a proprio piacimento un esperto anche in questo ambito a garanzia di trasparenza e partecipazione

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
RICEVI GRATIS LE NOSTRE NOTIZIE