Politica

Primarie PD del 3 dicembre: a confronto i candidati Purtusiello, Santarsiero e Polese

Domenica 3 dicembre, in Basilicata, si terranno le elezioni per la Segreteria del PD Basilicata
Le motivazioni dei tre candidati: Vittoria Purtusiello, Mario Polese e Vito Santarsiero

Vittoria Purtusiello

Tra qualche ora ci saranno le primarie per eleggere il segretario regionale del PD. Non sarà solo il congresso di un partito, ma una grande occasione di partecipazione per ricominciare. Per chiudere un ciclo politico ed aprirne uno nuovo. Per provare a costruire un progetto nuovo di Basilicata con una classe dirigente rinnovata. Il PD così com’è non mi piace, è un partito diviso, senza guida, che ha smarrito la sua ragione di fondo, la volontà di costruire un futuro migliore. Abbiamo commesso in questi anni molti errori. All’interno della nostra comunità, e in modo particolare in val D’Agri, si sono generate fratture profonde tra cittadini e istituzioni che dobbiamo assolutamente superare.

Il petrolio è stato vissuto come una grande occasione di sviluppo, uno sviluppo che poi non è arrivato. Aspettative deluse e soprattutto responsabilità per non aver gestito l’estrazione con in testa la cosa più importante, la salute dei cittadini e la tutela dei territori. C’è chi addirittura ha pensato anche di toglierci il potere di decidere con una legge sbagliata come lo Sblocca Italia. Sono orgogliosa di aver combattuto quella battaglia dalla parte dei lucani, difendendo la loro possibilità di scegliere a casa propria e di non consegnarsi alle compagnie petrolifere e allo Stato! Sono contenta di aver combattuto per cambiare l’art.38 e per aver costruito il referendum sulle trivelle! Quella scelta si è dimostrata in linea con il quorum dei lucani.

C’è stato un pezzo del PD, che rappresento e che mi ha scelto per questa sfida, che ha dimostrato di essere più vicino ai lucani, di interpretare meglio la loro volontà. E allora dobbiamo ricominciare da quella forza. Dalla libertà di scegliere di cambiare. Sono una donna, giovane, non sono un politico di professione, sono un ingegnere, una delle tante partita iva, mi occupo di imprese.

Vorrei provare insieme a chi mi sosterrà, a cambiare questo Pd e soprattutto questa regione. Più controlli, monitoraggio serio, credibile, indipendente, e più lavoro, opportunità per tutti non solo per pochi amici. Non possiamo più essere solo la regione delle clientele, delle relazioni corte. C’è una classe dirigente che ha grandi responsabilità, le istituzioni non sono di proprietà, non si tramandano di padre in figlio. Adesso quella classe dirigente deve cedere il passo a un progetto politico nuovo. Tutelando solo interessi particolari e non generali abbiamo indebolito la comunità, mettendo i territori uno contro l’altro e le persone, i cittadini, uno contro l’altro. Non può essere questo il futuro della nostra terra.

E allora, il 3 dicembre potete scegliere di cambiare, scegliete il riscatto della Basilicata.

Mario Polese

Il 3 dicembre il Partito Democratico della Basilicata avrà il suo Segretario, un atto di grande responsabilità per tutta la comunità del Pd. Si apre un periodo di festa in cui finalmente ci potremo confrontare sul merito e dialogare su temi e proposte. C’è un fatto inequivocabile. Oggi finisce il tempo del partito regione e si apre l’era del movimento delle comunità democratiche.

Penso ad un partito che provi a dare risposte a quello che definisco il cerchio della politica, ossia le istanze del territorio, le politiche che si mettono in campo e le azioni che ne derivano, l’accountability,  e infine su tutto quello che si è fatto l’organizzazione del consenso. Voglio dare al Partito Democratico un approccio pragmatico e concreto perché le cose che contano sono quelle che si fanno. E non si può cercare la rottamazione purché sia, tanto meno pensare che tutto si risolva in un accordo tra blocchi di potere. C’è una idea, ci sono proposte e ne conseguono legittime ambizioni. Tutto questo è normale, è un processo in divenire, il trampolino per affacciarsi alla finestra e guardare il mondo che sta cambiando. Sarebbe un errore mortale non accorgersene o peggio pensare di reagire utilizzando modelli che sono retrò.

Ormai non ci distingue più il cosa, ma il come. Tutti siamo d’accordo su temi quali il lavoro, l’ambiente, la salute, la conoscenza, la democrazia nel Pd e fuori dal Pd. Il punto è il metodo. Ed è per questo che io penso che il primo punto su cui dobbiamo “rigenerare il Partito Democratico”, perché questa è un’opera di “rigenerazione”, sia proprio il metodo.

Ci vuole un patto chiaro tra le diverse generazioni, non solo dal punto di vista anagrafico ma anche sotto il profilo dell’esperienza istituzionale. Questo si traduce immaginando chi ci trasferirà l’esperienza con un passaggio del testimone, e chi dovrà avere invece l’obbligo di supportare, e di contro la certezza di poter crescere.  Ambisco ad un Pd a vocazione maggioritaria e penso alla costruzione di una nuova leadership collettiva in un campo larghissimo di forze progressiste, dove un collante in più possa essere proprio il fattore generazionale, oltre che la comunanza di idee e principi,  con il ritorno anche di chi oggi non è più nel Pd. Stiamo per celebrare un congresso fondativo dopo due anni di vacatio assoluta e totale di tutto ciò che attiene alle funzionalità di un partito e quindi alla democrazia.

 Al patto delle generazioni si aggancia quello tra le città che devono prendersi per mano senza sciocchi campanilismi e abbracciare le periferie di questa regione. In un lavoro di rammendo, di mutuo sostegno, di costruzione di una identità senza steccati. Il vento della globalizzazione lo si affronta con la stabilità di una grande coesione interna accompagnata non da muri o recinti, ma dalla consapevolezza che possiamo offrire un contributo culturale di primo piano alla collettività nazionale. Penso dunque ad un partito caratterizzato da una forte mobilitazione cognitiva regionale volta alla costruzione in pochissimi mesi, con un lavoro serrato, plurale, non di parte, di una piattaforma programmatica che sia la base per la prossima legislatura regionale.

Per realizzare questi tre grandi obiettivi immagino in primo luogo il coinvolgimento dei resilienti, chi ha resistito finora nonostante non ci fosse una guida politica, amministratori e segretari di  partito. Non sempre dobbiamo andare oltre l’infinito! Il Pd, inoltre, deve accogliere la società civile, perché le comunità democratiche sono tante e aspettano solo di essere interconnesse. A questo aggiungo un partito dentro le istituzioni: non ha senso un partito estraneo e distinto dai percorsi amministrativi, è qui che si danno risposte alle comunità democratiche. Gli organismi immediatamente esecutivi e la costituzione dei dipartimenti speculari a quelli regionali con una rappresentanza territoriale ma anche di interessi legittimi comuni. Circoli aperti, unioni zonali, incontri periodici tra le comunità democratiche. Ricostruire un rapporto empatico con le comunità creando il dipartimento comunicazione, dando vita alle feste dell’Unità nei circoli e la festa dell’Unità regionale. In ultimo, istituire la scuola di formazione per amministratori, stop ai “turisti per caso” nelle amministrazioni pubbliche.

Non voglio più vergognarmi di dire che faccio politica, che la faccio in un partito e che questo partito si chiama Partito Democratico. Iscriversi al Pd dovrà essere motivo di orgoglio. Ed allora chiudo con un appello, prima ai miei sostenitori, poi a tutti: in politica non ci sono nemici ma avversari e i nostri avversari sono fuori e non dentro, sono i populismi. Basta con le tifoserie. Questo è un match da vincere insieme e sul campo, più polmoni e meno Twitter perché la partita non è solo il congresso del Partito Democratico, ma tutto quello che verrà dopo.

Vito Santarsiero

Sviluppo e tutela dell'ambiente

BASI PER RIPARTIRE | SVILUPPO E TUTELA AMBIENTEVi racconto, in prima persona, i principi cardine del mio programma.#BASIPERIPARTIRE #CONGRESSOREGIONALE PD Basilicata

Pubblicato da Vito Santarsiero su Lunedì 27 novembre 2017

Valorizzare i giovani per il futuro della regione

BASI PER RIPARTIRE | VALORIZZARE I GIOVANI Vi racconto, in prima persona, i principi cardine del mio programma.#BASIPERIPARTIRE #CONGRESSOREGIONALE PD Basilicata

Pubblicato da Vito Santarsiero su Mercoledì 29 novembre 2017

Tutela e valorizzazione delle donne

BASI PER RIPARTIRE | TUTELA DELLE DONNEVi racconto, in prima persona, i principi cardine del mio programma.#BASIPERIPARTIRE #CONGRESSOREGIONALE PD Basilicata

Pubblicato da Vito Santarsiero su Venerdì 1 dicembre 2017

Vito Santarsiero

 

Potrebbe interessarti
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Adblock Detected

Attiva gli annunci per continuare a visitare il sito.
RICEVI GRATIS LE NEWS