Lavoro e Salute

Pnrr salute, in Basilicata 5 Ospedali di Comunità e 17 Case della comunità


“La Basilicata sarà la prima regione in Italia a completare il piano per la banda larga che doterà 103 Comuni lucani di una tecnologia di trasmissione dei dati integralmente in fibra.  Un risultato importante che consentirà di attivare i servizi di telemedicina, innovativi per la presa in carico del paziente, soprattutto per quelli con patologie croniche”.  Lo ha annunciato il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, nel corso di una riunione per illustrare l’impianto organizzativo che disegnerà la medicina territoriale della Basilicata nei prossimi anni. Un’organizzazione capillare che intercetta le esigenze della popolazione e sarà realizzata con i fondi del Pnrr.

Oggi è stato presentato il numero delle strutture da realizzare e destinato il plafond delle risorse, nel corso dell’incontro cui hanno partecipato, oltre all’assessore alla Salute, Rocco Leone, il presidente dell’Anci, Antonio Bernardo con il responsabile Sanità Giovanni Lettieri, il presidente dell’Upi Piero Marrese e, in collegamento da remoto Domenico Mantoan, direttore generale di Agenas.

Capisaldi della riforma sono le case della comunità, luoghi fisici aperti sette giorni su sette e H24, dove il cittadino potrà trovare una risposta adeguata alle diverse esigenze sanitarie o sociosanitarie, grazie al servizio garantito da medici, infermieri e assistenti sociali. Delle 17 case della comunità previste sul territorio regionale, 11 saranno realizzate nella provincia di Potenza e 6 in quella di Matera, finanziate con oltre 25 milioni di euro.

Ponte di collegamento tra l’ospedale e il territorio saranno gli ospedali di comunità, dove saranno presi in carico i pazienti soprattutto cronici, permettendo così anche un miglior utilizzo delle strutture ospedaliere.  In Basilicata sorgeranno cinque ospedali di comunità: tre in provincia di Potenza e due in provincia di Matera, finanziati con oltre 11 milioni di euro.

La Centrale operativa territoriale, Cot, è un modello organizzativo innovativo che svolge una funzione di coordinamento della presa in carico della persona e raccordo tra servizi e professionisti coinvolti nei diversi setting assistenziali: attività territoriali, sanitarie e sociosanitarie, ospedaliere e rete dell’emergenza-urgenza. In Basilicata ne sono previste 6, finanziate con oltre 1 milione di euro.

Completeranno il modello organizzativo l’unità di Continuità Assistenziale, ossia un’équipe mobile distrettuale per la gestione di situazioni e condizioni clinico-assistenziali di particolare complessità e di comprovata difficoltà operativa di presa in carico sia di singoli individui che di comunità. Figura centrale sarà poi l’infermiere di famiglia: professionista di riferimento che assicura l’assistenza infermieristica ai diversi livelli di complessità in collaborazione con tutti i professionisti presenti nella comunità in cui opera, perseguendo l’integrazione interdisciplinare, sanitaria e sociale dei servizi e dei professionisti e ponendo al centro la persona.

Invece i consultori si occuperanno della salute dei minori, delle donne e problematiche delle coppie e delle famiglie. Mentre il Dipartimento di prevenzione,

promuoverà azioni volte a individuare e rimuovere le cause di nocività e malattia di origine ambientale, umana e animale.

“Stiamo mettendo in campo – ha detto il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi – un nuovo modello di organizzazione della sanità territoriale. Il momento di confronto con i sindaci e le province è di fondamentale importanza, perché le strutture che andremo a realizzare con i fondi del Pnrr dovranno essere facilmente raggiungibili e riconoscibili da tutti i cittadini. Le basi che ora mettiamo condizioneranno l’offerta sanitaria regionale del futuro. Continueremo a interloquire con gli enti locali, per far sì che la nostra sanità diventi competitiva ed efficace per tutti i cittadini”.

Il comunicato della UIL:

I 5 Ospedali di Comunità e le 17 Case della comunità, annunciati oggi dal Presidente Bardi in conferenza stampa, secondo quanto prevedono le “missioni” specifiche del Pnrr, unite alla strategia di completamento del piano per la Banda larga, sono obiettivi strategici che andranno a ridisegnare il sistema regionale di cura e assistenza delle persone, soprattutto per i cittadini delle aree interne. Con questi obiettivi, che ci auguriamo possano essere raggiunti, la Basilicata deve avviare una nuova stagione di riforma complessiva del proprio sistema sanitario, puntando non solo sull’innovazione tecnologica ma sull’eccellenza del capitale umano di cui dispone: medici; infermieri; operatori sanitari, che in questi anni di pandemia non si sono mai risparmiati e che hanno qualità e competenze per affrontare e vincere le sfide che il PNRR presenta. A loro vanno affiancati nuove figure professionali: è impensabile oggi immaginare di poter attuare queste riforme senza il supporto di nuove e giovani professionalità del mondo digitale e dell’ICT, fondamentali per rendere cosa tangibile la strategia e le azioni annunciate. Anche per questo riteniamo che il confronto a cui fa riferimento il Presidente Bardi non debba limitarsi ai sindaci ma debba coinvolgere direttamente i sindacati e le associazioni di tutela dei cittadini ed espressione della società civile. Inoltre, le nuove strutture sanitarie per diventare realmente ed efficacemente “ponte di collegamento tra l’ospedale e il territorio” hanno bisogno di un’attenta azione di programmazione che tenga  conto degli ospedali e delle strutture già presenti sul territorio. Per la Basilicata il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è un’occasione più unica che rara. La straordinaria stagione di innovazione che si apre, e che dobbiamo saper cogliere in ogni suo aspetto, rappresenta un elemento fondamentale sul quale costruire il futuro della Pubblica Amministrazione lucana, a partire proprio dalla Sanità.

Potrebbe interessarti
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com