Primo Piano

Natale in Trincea: l’Italia è fiaccata da mesi di “guerra” ma inizia a reagire


E’ stato oramai ripetuto fino allo sfinimento: saranno festività diverse rispetto al solito. Ogni rito consolidato a cui eravamo da sempre abituati, è stato cancellato dalla Pandemia. Siamo tutti concordi sul fatto che, in questi giorni, siano ben altre la priorità rispetto a tombolate, serate al cinema, discoteche, veglioni, ecc. L’Italia vive oggi uno dei periodi più complicati della sua storia recente. Quel che è ancor più difficile da accettare è il fatto che quest’anno non è possibile regalare un momento di affetto, di condivisione, di calore umano a tutte quelle persone che si trovano in una condizione di difficoltà o di emarginazione sociale non direttamente legata al Covid-19.

Siamo tutti costretti a contenere i nostri “Slanci Affettivi” perchè dobbiamo continuare a combattere contro un Virus subdolo che si “ciba” del contatto umano per continuare a diffondersi e a creare dolore e sofferenza.

L’immagine del nostro Paese è quella di un soldato esausto, fiaccato da lunghi mesi di guerra contro un nemico invisibile.

Un Paese piegato dalla fatica, sorpreso dall’imprevedibilità di una realtà che pareva inimmaginabile soltanto fino a 11 mesi fa.

Un Paese che deve piangere migliaia di morti ma che, nonostante tutto, non ha ancora perso la voglia di combattere e di resistere.

E’ vero, non mancano i casi di violazione delle norme (peraltro spesso poco chiare) anticontagio previste dai vari DPCM e dalle ordinanze dei governatori. Detto questo, è opportuno sottolineare la straordinaria disciplina che la stragrande maggioranza dei cittadini italiani sta mostrando ancora oggi, al culmine di mesi di restrizioni e chiusure.

La verità è che oramai la consapevolezza della serietà del problema è largamente diffusa e, insieme ad essa, inizia ad essere percepita una gran voglia di vincere questa terribile battaglia.

Comincia a farsi strada l’idea (sostenuta dalla Scienza) che la dura prova a cui tutti siamo sottoposti possa finalmente lasciare spazio a tempi migliori a partire dalla prossima Primavera – Estate.

In questi giorni di festa, tutti ricercano (quasi si impongono) un minimo di serenità e di tranquillità, rivolgendo un pensiero anche all’arma che potrebbe (speriamo davvero) capovolgere le sorti della guerra a nostro favore: il vaccino.

Al termine di questa breve riflessione, non resta che lasciare spazio a un auspicio: sia il 2021 l’anno della rinascita (Valoriale ed economica) per tutti noi.

Amici lettori, auguri di Buone Feste!

Oggi più che mai.

Potrebbe interessarti
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com