L’Irccs-Crob Basilicata è uno dei più importanti centri nazionali nel campo dell’oncologia clinica e della ricerca scientifica

Da quando il CROB ( Centro di riferimento Oncologico di Basilicata) ubicato nell’ospedale di Rionero in Vulture è diventato Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico in campo oncologico per decreto del Ministero della Salute, i temi e i problemi legati alla prevenzione e cura delle patologie tumorali sono sempre più all’ordine del giorno nella nostra regione. Anni fa quando si sentiva parlare di realizzare nel Vulture una struttura oncologica specializzata erano in tanti a storcere il naso.

Ora, anche per il fatto che le patologie oncologiche sono purtroppo in forte crescita, quasi tutti si sono ricreduti.

L’Unità operativa Oncologia medica CROB dalla sua costituzione si è caratterizzata per la capacità di diagnosi e trattamento di tutte le neoplasie solide: tumori al polmone, mammella, apparato gastroenterico, urogenitale, ginecologici e forme rare.  Nell’ambito del laboratorio di biologia molecolare vengono effettuati  test diagnostici riguardanti la caratterizzazione biomolecolare delle principali neoplasie solide.

 L’Istituto CROB è dotato di attrezzature sofisticate e all’avanguardia,per coprire tutto il fabbisogno di un’utenza regionale e anche extra-regionale.

Per il settore prevenzione , ricerca e cure delle neoplasie, nella nostra regione almeno, non dovrebbero sussistere problemi di sorta, visto che è stato già costituito e reso operativo da tempo, il “Polo Oncologico lucano”. Con l’IRCCS-CROBB, seconda logica, punto centrale di riferimento e con gli ospedali di Potenza, il “San Carlo”, e Matera il “Madonne delle Grazie” attrezzati per un lavoro sinergico e coordinato.                                                                 Il 2015 è stato un anno molto importante per l’istituto, che ha visto, com’è noto, il raggiungimento di due fondamentali traguardi: l’accreditamento come Clinical Cancer Center presso l’OECI (l’organizzazione Europea degli Istituti Oncologici) e la conferma, da parte del Ministero della Salute, del riconoscimento, di Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico.

Globalmente, l’attività scientifica del CROB dal 2015 ad oggi è stata condotta da oltre 56 ricercatori, 29 dei quali con contratto “full-time” di collaborazione per la ricerca a tempo determinato, totalmente supportati dai fondi rinvenuti dalla ricerca corrente o da quella finalizzata;27 sono stati invece i ricercatori strutturati nell’organico dell’Istituto, riconosciuti come tali in funzione di una produttività scientifica di almeno 5 punti di impact factor normalizzato prodotti nel corso.  

E’ doveroso sottolineare che il CROB di Rionero in Vuture, ha ottenuto il riconoscimento di “ Istituto di ricovero e cura a carattere scientificocon le deliberazioni di giunta n. 347 del febbraio 2001 e n. 861 del giugno 2007.

Il Centro, parallelamente all’attività di assistenza, si è focalizzato sull’attività di ricerca. Il CROB è uno dei più importanti centri nazionali nel campo dell’oncologia clinica e della ricerca scientifica e stringe solide relazioni con l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.

                                                                   Giulia Giarletta

Potrebbe interessarti
Articoli correlati
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
RICEVI GRATIS LE NOSTRE NOTIZIE