CronachePrimo Piano

Latte contaminato? Secondo le analisi ufficiali è “tutto apposto”


Con i risultati delle analisi sui campioni di latte di tre aziende site vicino al Centro Oli di Viggiano, fortemente voluti dal sindaco Amedeo Cicala e diffusi ieri, si chiude, almeno temporaneamente, la questione sollevata dall’associazione Cova contro.

Un mese fa il portavoce degli ambientalisti, Giorgio Santoriello, aveva denunciato la presenza di sostanze inquinanti pericolose nel latte prodotto vicino al COVA. Dalle analisi condotte, per conto dell’associazione, da un laboratorio privato su un campione di tre litri di latte, erano emerse infatti tracce significative di arsenico, piombo e cadmio. Subito dopo erano intervenute le istituzioni: sia la Regione, convocando un tavolo tecnico, che il sindaco, richiedendo ulteriori controlli.

Il resto è cronaca, perché proprio in questi giorni il servizio igiene dell’Azienda sanitaria provinciale ha diffuso i risultati delle controanalisi. Gli istituti zooprofilattici di Puglia e Lazio, cui sono stati affidati i controlli su tre campioni di latte prelevato da altrettante aziende agricole vicine al Centro Oli, non hanno riscontrato anomalie, piuttosto concentrazioni minime e non quantificabili.

Dunque il latte prodotto nei dintorni del COVA è sicuro e conforme alle direttive europee. Non lo credono però gli ambientalisti. Interpellato, Santoriello ha dichiarato che i risultati sono da considerarsi rassicuranti solo perché hanno preso in considerazione appena due paramentri. Diversamente, le analisi commissionate da Cova contro erano state più ampie ed approfondite.
Resta il fatto, comunque, che anche le ultime analisi si sono concentrate sull’eventuale presenza di piombo, arsenico, cadmio, benzofluorantene, benzoapirene e benzoantracene – crisene, dando esito negativo. A questo punto, viene spontaneo chiedersi chi è che sta sbagliando o quanto meno a cosa si devono le discrepanze fra i dati. Tuttavia, almeno per il momento sembrerebbe che la questione possa considerarsi archiviata ed il latte non contaminato.

Potrebbe interessarti
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com