La Regione Basilicata si prepara alla grave emergenza epidemiologica

“Anche la Regione Basilicata si prepara alla grave emergenza epidemiologica derivante dalla pandemia in atto da COVID-19”. Afferma il Presidente della IV Commissione, Politiche Sociali, Massimo Zullino.

“Valutato l’assetto delle strutture sanitarie presenti sul territorio, dopo il DEA di I Livello “Madonna delle Grazie” di Matera e il DEA di II livello ‘San Carlo’ di Potenza, l’ospedale San Francesco di Venosa è stato valutato positivamente per l’apertura di un nuovo reparto di ‘malattie infettive’, branca medica considerata di alta specializzazione, poiché la struttura di fatto ancora permette l’utilizzo delle stanze al ricovero dei pazienti.

Con l’istituzione dell’Unità di Crisi e le conseguenti attività di monitoraggio, si prende atto che Venosa risulti essere la sede dal punto di vista tecnico-logistico migliore per la creazione del reparto ‘malattie infettive’. Ora che siamo nei giorni della crisi sanitaria più nera, ogni utile iniziativa tesa a garantire la tutela e la salute dei pazienti, come la riapertura dell’ospedale di Venosa, è finalizzata al non trovarsi impreparati qualora l’epidemia possa intensificarsi sul nostro territorio regionale. Il nosocomio venosino sarà un centro di accoglienza e cura dei pazienti affetti da coronavirus.

Avere una struttura pubblica disponibile in poco tempo è una rassicurazione per tutti i Lucani. Stiamo lavorando affinché la Basilicata possa ridurre ai minimi termini il contagio e dare il massimo supporto ai contagiati”. Continua il DG Esposito del Dipartimento Salute.

“É prevista una capienza di 100 posti letto per il nuovo reparto, che in questo momento sono una primaria necessità per far fronte all’emergenza, oltre che ad essere una valida e lungimirante risposta proiettata anche al futuro. Non è possibile prevedere lo stato di avanzamento e durata del coronavirus, quindi oltre ad essere una garanzia per i cittadini lucani di immediata cura al contagio, la riapertura dell’ospedale oraziano e la disponibilità dei 100 posti letto, rappresenterebbero un’ occasione unica per il rilancio dell’intero comparto sanitario e un’iniezione di fiducia e di speranza per un’area della Basilicata da troppo tempo in sofferenza per le tante spoliazioni subite”. Dichiara l’assessore alle Infrastrutture e Trasporti Donatella Merra .

“Grande solidarietà e piena collaborazione al Presidente della Regione Basilicata, il Governatore Vito Bardi, che sin dal primo momento, ha gestito l’emergenza nel migliore dei modi, non sottraendosi al proprio dovere, bensì anticipando quelle che solo ora si sono dimostrate essere le misure di contenimento al coronavirus”. Sottolinea il Presidente Zullino.

Infine Zullino e Merra ringraziano tutti i cittadini che hanno compreso la necessità di tendere la mano ed ogni giorno danno il loro piccolo contributo collaborando a seguire le norme di contenimento del virus. Il nostro invito è quello di restare uniti; ormai l’emergenza  ha raggiunto livelli preoccupanti e non é più tempo di discutere o creare sterili polemiche. Serve maturità e un forte senso di responsabilità perché si deve pensare come una unica comunità e non altro. Dobbiamo essere in questo momento, in particolare, uno l’esempio dell’altro.

“Tutti siamo chiamati a fare una scelta: collaborare”.  Conclude il Presidente Massimo Zullino.

 

Massimo Zullino
Donatella Merra

Potrebbe interessarti
Articoli correlati
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
RICEVI GRATIS LE NOSTRE NOTIZIE