Lavoro e Salute

Indotto Cova Val d’Agri: sciopero dei lavoratori della RTI

Questa mattina davanti al Centro Oli di Viggiano, si è tenuto lo sciopero con assemblea dei lavoratori della RTI (raggruppamento temporaneo di impresa Officine Dandrea, Ram Meccanica, Elettra e Garramone) indetto da FIM FIOM e UILM per discutere e manifestare le diverse problematiche fra cui l’uso indiscriminato della cassa integrazione ed il mancato rispetto degli accordi aziendali.

È stata una assemblea molto partecipata dai lavoratori, nel rispetto delle procedure anti Covid e del distanziamento sociale, che ha evidenziato esattamente la questione petrolio in Basilicata, nata a seguito delle ormai note scelte scellerate da parte di Eni che, riducendo drasticamente le attività appaltate ed estraendo lo stesso numero di barili , ha determinato una vera crisi sociale ed occupazionale che coinvolge tutto l‘indotto  di Viggiano.

Non si può andare avanti tamponando le singole vertenze, in gran parte ancora irrisolte, ma è necessario che il presidente Bardi intervenga, con risolutezza, con i vertici di Eni affinché vengano ripristinate le condizioni pre Covid.

È necessario che DeScalzi venga in Basilicata a discutere degli investimenti annunciati per il territorio della Val d’Agri partendo dal ripristino delle condizioni industriali che consentano una tenuta e ripresa occupazionale della Val d’Agri e nella costruzione del  prossimo futuro .

Ridurre le attività significa altresì mettere a rischio la sicurezza dei lavoratori e più in generale di tutto il territorio della Val d’Agri; lo diciamo ancora una volta in maniera chiara che se un giorno dovesse accadere qualsiasi incidente all‘interno  del centro oli di Viggiano, causato dalla riduzione delle attività di manutenzione, in quel caso Eni dovrà risponderne non solo legalmente ma all’intera comunità lucana.

Nelle prossime ore FIM FIOM e UILM, metteranno in campo una mobilitazione generale dei lavoratori dell‘indotto ENI di Viggiano occupando l’intero  piazzale del centro oli e qualora non dovesse bastare, lo stato di agitazione continuerà in maniera permanente fino a quando il silenzio che negli ultimi mesi si  è protratto in questa Regione, lasci spazio alle risposte che da tempo i lavoratori e le organizzazioni sindacali rivendicano.

Il petrolio per essere una risorsa, e non solo come royalty e riempimento delle casse comunali e regionali, deve garantire il valore del lavoro dei i lavoratori e lo sviluppo presente e futuro del territorio

 

 

                                                               FIM FIOM UILM

Potrebbe interessarti
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
RICEVI GRATIS LE NEWS