Forestali, un incontro per programmare la fase 2

Le organizzazioni sindacali Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil di Basilicata, vista la situazione di emergenza a causa del diffondersi del Covid-19 e le negative ricadute su tutti i settori delle filiere produttive, tra le quali quella del comparto forestale, hanno chiesto al governatore della Basilicata Vito Bardi e al Consorzio unico di bonifica un incontro a distanza al fine di trovare soluzioni condivise atte a programmare per tempo la cosiddetta fase 2 del comparto.

Sono circa 4500 i lavoratori del settore, tutti gestiti dal Consorzio di Bonifica unico di Basilicata. La programmazione  metterebbe nelle condizioni di anticipare i tempi di riapertura dei cantieri forestali nel rispetto delle misure di prevenzione e contenimento del virus, previste dall’accordo nazionale stipulato tra Cgil-Cisl-Uil e il governo nazionale e dal decreto del presidente del Consiglio dei ministri che predispone una riapertura delle attività legate alla filiera forestale e alla manutenzione e salvaguardia dell’ambiente.

L’incontro sarà l’occasione anche per affrontare la questione che riguarda i lavoratori fuoriusciti dalle platee della mobilità ordinaria e in deroga, i quali sono risultati ammissibili all’avviso pubblico del 5 febbraio 2019 in materia  di selezione per l’inserimento in attività forestali, ma ne sono rimasti esclusi per la mancata copertura finanziaria.

Potrebbe interessarti
Articoli correlati
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
RICEVI GRATIS LE NOSTRE NOTIZIE