Lavoro e Salute

Flai Cgil: “regolarizzazione migranti stagionali, traguardo importante”

UIL: "decreto Rilancio e riavvio trasporto regionale Basilicata: bene primi interventi"


La regolarizzazione dei migranti in agricoltura è senza ombra di dubbio un traguardo importante. Ci riteniamo molto soddisfatti delle misure previste dal provvedimento, frutto anche delle battaglie della Flai Cgil e che consentiranno finalmente di porre fine ai ghetti anche in Basilicata, con la possibilità di svuotarli grazie a un’accelerazione del piano triennale contro il caporalato e a un lavoro sinergico tra ministero per il Sud, Regione e Prefetture”. È quanto afferma il segretario generale Flai Cgil Basilicata, Vincenzo Esposito.

“I braccianti stagionali potranno avere una soluzione alloggiativa dignitosa che consentirà loro di seguire tutti i protocolli e gli accorgimenti necessari per prevenire il contagio da coronavirus – continua Esposito – ma soprattutto vengono finalmente riconosciuti alcuni dei diritti fondamentali come il diritto al lavoro e alla salute. Ne beneficeranno anche i lavoratori italiani perché non potranno essere più ricattati dalle aziende che sfruttano con la minaccia di trovare manodopera a più basso costo.

È necessario adesso – aggiunge il segretario – che la Regione Basilicata attui tutti i provvedimenti necessari affinché si agevoli il percorso di regolarizzazione, a partire dalla pubblicazione dei bandi per la gestione dei centri di accoglienza nell’Alto Bradano e nel Metapontino. I migranti stagionali si stanno già stanziando nelle nostre campagne ed è quindi necessario accelerare quanto più possibile l’apertura delle strutture per le quali sono già stati stanziati dei fondi. Mi riferisco all’ex tabacchificio di Palazzo San Gervasio e al borgo di Boreano (6 milioni) per quanto riguarda l’Alto Bradano e alla Città della Pace a Scanzano Jonico (2 milioni di euro) nel Metapontino, per il quale sono disponibili ulteriori 350 mila euro per l’accoglienza diffusa che garantisca vitto, alloggio – eventualmente anche in strutture alberghiere – e trasporto. I fondi sono a valere su progetti Su.pre.me e su fondi Pon Legalità e Inclusione.

È necessario – conclude Esposito – creare liste di prenotazione per il reclutamento nei Centri per l’impiego di Lavello e Policoro, così come accaduto lo scorso anno a Palazzo San Gervasio, strumento fondamentale per la lotta al caporalato. Le misure appena adottate, congiuntamente alle azioni che la Regione metterà in campo, potranno dare una risposta anche alle imprese agricole del territorio in difficoltà, sopperendo alla mancanza di manodopera”.

 

 “Esprimiamo apprezzamento per i contenuti del DL Rilancio, appena approvato dal Consiglio dei Ministri, inerenti il settore del trasporto, che, dalle bozze in nostro possesso e dalle dichiarazioni rese pubbliche, fanno presumere che molte delle istanze che abbiamo presentato al Governo negli ultimi mesi avrebbero trovato positivo accoglimento”.  A dichiararlo il Segretario Generale, Antonio Cefola, della Uiltrasporti.

 “Pur attendendo di leggere l’intero decreto bollinato riguardo tutto il settore dei trasporti – precisa Cefgola – intanto apprezziamo l’accoglimento di quanto chiedevamo da tempo per la ripresa strutturale di tutto il settore del trasporto”

 “Nel complesso, gli interventi contenuti nel DL forniscono una prima risposta alle esigenze dei lavoratori e delle imprese italiane del settore, le cui attività già in una situazione di pesante crisi, sono state azzerate dagli effetti Covid19. Certo essi non sono esaustivi, ma costituiscono un apprezzabile passo avanti nella direzione giusta.

 “Più nello specifico è coerente il rifinanziamento di 250 mln di Euro per  i Fondi FS e TPL e la quota di 2.740.000 di Euro per il finanziamento per la copertura di tutti i Fondi per il periodo dal 23 febbraio al 31 ottobre. Importante anche il rifinanziamento della Cassa Integrazione in Deroga che passa a gestione INPS per ridurre i tempi di erogazione”

 “Accogliamo positivamente anche una prima risposta riguardo la grave situazione dei lavoratori stagionali e a tempo determinato, ancora oggetto di verifiche, fermo restando che già ci stiamo attivando per far allargare la copertura anche a quei lavoratori che hanno terminato il rapporto di lavoro dopo il 31 gennaio 2020.”

“ Ottimo anche il programma di intervento finalizzato al potenziamento con caratteristiche Alta Velocità/Alta Capacità della Linea FS Taranto-Metaponto-Potenza-Battipaglia per ridurre i tempi di percorrenza, per permettere la circolazione di treni più performanti e per elevare la capacità dell’infrastruttura al fine di poter garantire un’offerta quantitativamente più alta”

 “Il lavoro sinora  svolto da CGIL-CISL-UIL e FILT-FIT-UILTAPORTI insieme al Governo ha portato risultati importanti, ma ora è necessario che non perdano efficacia, proseguendo subito il confronto per affrontare i temi ancora in attesa di risposte, tra i quali l’estensione delle tutele ai lavoratori stagionali, la velocizzazione di emissione  dei decreti di Cigs, l’individuazione di soluzioni industriali per le molte imprese in crisi. La direzione intrapresa è quella giusta ora si proceda senza indugio e senza tentennamenti”.

Con clima più disteso si è tenuta, giovedi 14 maggio, la riunione tra Segreterie Regionali Sindacali Confederali e di settore dei Trasporti con l’Assessore al ramo, Merra, il Co.tr.AB. e le Province di Potenza e Matera.

Sono stati affrontati tutti i punti che potrebbero creare criticità nella ripartenza del servizio di Trasporto con l’avvio delle attività lavorative a pieno regime in tutte le aree industriali della Regione con attenzione particolare a quella di S. Nicola di Melfi.

E’ stato garantito che sarà attivato il programma di trasporto del 2018 (periodo con massima frequentazione dei lavoratori) che sarà supportato da intensificazioni che saranno necessarie in base al numero di utenza con il massimo rispetto dei livelli di sicurezza previsti dagli allegati 8 e 9 del DPCM del 26 Aprile 2020.

Le Segreterie regionali FILT-FIT-UILTRASPORTI hanno chiesto che siano garantite tutte le Linee aggiuntive con particolare riferimento alla Pisticci-Ferrandina-Viggiano, Potenza.Viggiano, Avigliano-FCA. La Regione e il Co.tr.A.B. si sono impegnati di trovare soluzioni immediate per riattivare le line aggiuntive.

E’ stato richiesto che siano rese note le frequentazioni del 2018 per verificare se il programma di trasporto che si attiverà dal 21 maggio p.v. corrisponderà alle reali esigenze di mobilità.

Inoltre è stato chiesto di mettere in atto un Piano di Comunicazione/Informazione da divulgare ai lavoratori del settore  e all’utenza in cui vengono riportate precise linee guida per la messa in sucurezza da eventuale contagio e la costituzione di unComitato Sicurezza Covid.19 per monitorare il rispetto del DPCM del 26 maggio 2020.

Le parti si riuniranno Lunedi 18 maggio per una verifica puntuale.

Potrebbe interessarti
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com