Fase 2: Coldiretti, anche in Basilicata corsa a pasta patriottica

Anche in Basilicata è corsa alla pasta Made in Italy che utilizza solo grano nazionale. E’ quanto emerge da un’analisi di Coldiretti su dati Nielsen sugli effetti dell’emergenza coronavirus che spinge i consumatori a privilegiare prodotti Made in Italy per sostenere l’occupazione e l’economia nazionale. Lo dimostra il fatto che secondo l’indagine Coldiretti/Ixe’ l’82% dei lucani con l’emergenza coronavirus sugli scaffali cerca prodotti Made in Italy per sostenere l’economia ed il lavoro del territorio. Una tendenza confermata dal successo della campagna #mangiaitaliano promossa da Coldiretti e Filiera Italia che ha coinvolto industrie e catene della grande distribuzione. Nell’ambito di questo  contesto – sottolinea Coldiretti Basilicata – un segnale positivo viene dal moltiplicarsi di marchi e linee che garantiscono l’origine nazionale al 100% del grano impiegato, impensabile fino a pochi anni, come la pasta  De Sortis prodotta a San Nicola di Pietragalla.

L’Italia è il paese con il piu’ elevato consumo di pasta per un quantitativo di 23,5 chilogrammi a testa contro i 17 chili della Tunisia, seconda in questa speciale classifica seguita da Venezuela (12 kg), Grecia (11 kg), Cile (9,4 kg), Stati Uniti (8,8 kg), Argentina e Turchia a pari merito (8,7 kg). Durante il periodo di lockdown necessario per combattere la pandemia si è verificato un aumento degli acquisti del 17% per i derivati dei cereali come la pasta secondo Ismea mentre sono stati completamente azzerati i consumi nella ristorazione con i locali chiusi”. L’Italia – ricorda Coldiretti Basilicata – è prima in Europa e seconda nel mondo nella produzione di grano duro destinato alla pasta con una stima dell’Istat di 1,23 milioni di ettari seminati nel 2020 in aumento dello 0,5% con una produzione attorno ai 4,1 miliardi di chili. Un raccolto Made in Italy che subisce la concorrenza sleale delle importazioni dall’estero di prodotti che non rispettano le stesse regole di sicurezza alimentare e ambientale vigenti nel nostro Paese come il grano duro canadese trattato con l’erbicida glifosato in preraccolta, secondo modalità vietate sul territorio nazionale dove la maturazione avviene grazie al sole. Aumenta infatti del 59% la quantità di grano duro importato nel 2020 dal Canada con il quale l’Unione Europea ha siglato l’accordo di libero scambio CETA, secondo l’analisi Coldiretti su dati Istat relativi al primo bimestre dell’anno durante il quale il Canada si classifica come primo fornitore dell’Italia. Il balzo delle importazioni – conclude la confederazione agricola lucana  – arriva nonostante le previsioni positive per la produzione di grano italiano. ​

Potrebbe interessarti
Articoli correlati
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
RICEVI GRATIS LE NOSTRE NOTIZIE