CronachePrimo Piano

Estorsioni ad imprenditori agricoli nel nord barese, un arresto anche in Basilicata




Tocca anche la Basilicata l’operazione ‘Madre terra’ , dei carabinieri di Barletta – Andria – Trani, che, nelle prime ore di questa mattina,  ha portato a 17 arresti, 10 in carcere e il resto ai domiciliari. Erano, infatti, operativi anche in provincia di Potenza, a Montemilone (coinvolto un 60enne del posto finito ai domiciliari), i due distinti gruppi criminali che, attraverso estorsioni, danneggiamenti, incendi e furti  ai danni di imprenditori agricoli e proprietari terrieri, si contendevano il controllo delle Murge (in particolare tra Andria e Minervino) cercando di imporre servizi di guardania abusiva a titolo di protezione. Per incutere timore le due bande agivano in modo spregiudicato arrivando anche ad uccidere animali. Le indagini, coordinate dalla Procura di Trani, sono state avviate nel 2020 e hanno consentito di fare luce su 11 episodi di danneggiamento di colture, 10 di furto di mezzi agricoli e 6 estorsioni. Secondo una stima operata dagli investigatori , l’ammontare complessivo dei danni provocati e il valore dei mezzi e delle attrezzature rubate, si aggira sui 425mila euro.   Furti e danneggiamenti venivano commessi non solo per intimidire, ma anche per il cosiddetto ‘cavallo di ritorno’: gli indagati dopo aver rubato i mezzi agricoli si mettevano in contatto con i proprietari chiedendo somme di denaro in cambio della restituzione della merce. Tra le sette persone ai domiciliari, oltre al 60enne di Montemilone, c’è anche un 64enne di Sala Consilina (Salerno).

 

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com