Eventi in BasilicataPrimo Piano

Donare in tempo di Coronavirus. Il primo maggio alla sezione Avis presso il Kiris Hotel



Si torna a donare. E’ tutto pronto. L’attività di raccolta, infatti, non si ferma neanche dopo le stringenti misure imposte per frenare il contagio da Coronavirus. In Italia oltre 1.800 pazienti  vengono trasfusi ogni giorno negli ospedali; questi comprendono molte persone affette da patologie che richiedono un ricorso regolare alle trasfusioni di sangue. Per questi motivi le donazioni non possono essere differite neanche in un momento in cui il sistema sanitario si trova a fronteggiare un’emergenza come quella rappresentata dal virus Sars-CoV-2.

Così, per il primo di maggio dalle ore 07:30, l’Avis di Marsicovetere, che ha sede presso il Kiris Hotel, organizza una giornata di raccolta per sostenere la causa.

Di seguito alcune utili informazioni su cosa fare per donare il sangue in piena sicurezza.



Prima di recarsi presso la nostra unità di raccolta associativa è bene che il donatore si accerti a casa di non avere febbre; la donazione di sangue e di emocomponenti rientra tra le “situazioni di necessità” menzionate dal DPCM del 10 marzo scorso e di conseguenza sono autorizzati gli spostamenti dei donatori da e per le sedi di raccolta come pure gli spostamenti del personale che opera presso queste ultime; al momento dell’arrivo presso i locali della sede sarà garantito il rispetto delle norme di sicurezza e sarà garantito ai donatori il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale, è assolutamente importante giungere con mascherina e guanti; in fase di compilazione del questionario nella sala di accoglienza è raccomandato di distanziarsi; prima di ogni donazione il medico responsabile della selezione sottoporrà il potenziale donatore a visita medica per escludere anche l’eventuale presenza di sintomi associabili all’infezione da Sars-CoV-2; a conclusione della donazione verrà rilasciato il certificato di avvenuta donazione che potrà essere utile nel tragitto di ritorno per giustificare il rientro a casa qualora il donatore sia sottoposto a un controllo.

Perciò, si può continuare a donare in tutta sicurezza come di consueto e dobbiamo farlo perchè il sangue è sempre indispensabile e salva tante vite.

 

                                                                                                          Il Presidente Marta Binetti 

CLICCA QUI per leggere l'Articolo
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close