Politica

Diritti delle persone con disabilità, Bolognetti: la faccia tosta di Cicala, Bardi e gli altri

Ma il Cicala, il Bardi e gli altri che dichiarano un tanto al kilo, in occasione della giornata mondiale della disabilità, sono gli stessi che nulla hanno fatto quando gli abbiamo chiesto, per mesi interi, di garantire i diritti delle persone con disabilità grave e complessa?

Il Cicala che blatera di disabilità è lo stesso Cicala che ha impedito il mio accesso nella sala stampa solo pochi giorni fa?
Il presidente Bardi che dichiara è lo stesso presidente che ad agosto mi inviava, “per errore”, l’immagine di una sua gita in barca?
E tutti gli altri, inclusi alcuni colleghi della stampa e qualche esponente dell’opposizione, hanno qualcosa da chiedermi o da dichiarare?
Come avvenuto l’anno scorso c’è chi prova a tacitare la propria cattiva coscienza a poco prezzo.

A cosa serve celebrare la giornata mondiale della disabilità se poi non onoriamo leggi, diritti, diritti umani e Costituzione?
Parliamo spesso di regime. Ecco, questa è la plastica rappresentazione di cosa sia un regime. I carnefici parlano e non una parola viene detta sull’operato di questi signori che concretamente avrebbero potuto operare per garantire i diritti delle persone con disabilità.
Dopo la lettera di Tommaso Z a Conte, le lettere di Cicala e Bardi e il relativo coro che le ha accompagnate ci raccontano fin troppo bene in che paese viviamo.
P.S. Dalla mezzanotte di oggi e per ora fino alla mezzanotte del 30 dicembre inizierò uno sciopero della fame. Se volete proverò a dar corpo a un minimo di spiritualità in una realtà in cui sopravvive quasi esclusivamente la menzogna e la negazione di un diritto che da forza e sostanza alla parola democrazia: il diritto alla conoscenza.

Potrebbe interessarti
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com