PoliticaPrimo Piano

Anche Grumento Nova nel “Progetto della Rete delle aviosuperfici” dell’Assessore Merra


La Basilicata vuole rimettere le ali. Dopo il sogno infranto di Pontecagnano (con la dismissione delle quote del Consorzio), il desiderio che la scelta si avveri riprende quota. Riprende concretezza con quello che l’assessore regionale alle Infrastrutture, Donatella Merra, chiama il programma delle «Reti delle aviosuperfici». E’ quanto riportato sul sito online de “La Gazzetta del Mezzogiorno”  in un articolo della giornalista Antonella Inciso.

Già perché, il sogno di volare i lucani potrebbero affidarlo ai piccoli hub che sono già presenti sul territorio regionale: da Pisticci a Grumento Nova, a Lavello. Piste più o meno conosciute, che unite anche a quelle che, in molti comuni, vengono utilizzate per l’elisoccorso potrebbero rappresentare una vera e propria svolta sul fronte aeroportuale.

Almeno di questo è convinta l’assessore Merra che – come primo tassello della Rete – ha pensato alla nota «Pista Mattei», l’aviosuperficie ad un passo dalla costa Metapontina. Da tempo, la pista, voluta da Enrico Mattei per facilitare i suoi spostamenti e realizzata negli anni Sessanta nel perimetro dello stabilimento Anic durante l’industrializzazione della Val Basento, attende interventi concreti di riqualificazione, a cominciare dall’ampliamento. Ora, però, si potrebbe passare dalle parole ai fatti, ed arrivare nel giro di un anno e mezzo alla sistemazione della pista.

Questo perché non solo il Comune di Pisticci ha dato il via libera all’ ampliamento della pista ma anche perché il Dipartimento infrastrutture ha dato l’ok ad uno stanziamento di 2 milioni e 300mila euro proprio per l’adeguamento e la messa in sicurezza di quella aviosuperficie. Soldi provenienti da stanziamenti regionali che potrebbero essere inseriti nel Collegato alla Finanziaria.

Il che consentirebbe di accelerare l’iter per i lavori e di arrivare, al massimo in un anno e mezzo, all’adeguamento della pista ed ad un suo possibile utilizzo per il trasporto di merci e persone. L’idea del governo regionale, però, è più ampia, ed oltre all’aviosuperficie di Pisticci punta a mettere in rete anche la pista esistente a Grumento Nova, per la cui sistemazione potrebbero essere messi a disposizione fondi provenienti dalle royalty del greggio. Una volta ultimati i lavori di Pisticci e Grumento, l’ulteriore tassello sarebbe una importante pista che si trova nell’area di Gaudiano di Lavello: la pista Falcone. Una aviosuperficie privata, perfettamente funzionante, che potrebbe diventare l’hub di riferimento dell’area nord.

Dalla costa Metapontina al Vulture, passando per la Val d’Agri, la Rete delle aviosuperfici, dunque, potrebbe diventare realtà. Consentendo alla Basilicata di rimettere le ali.

FONTE: LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO – ANTONELLA INCISO

Potrebbe interessarti
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com