Elezioni e Referendum del 20-21 Settembre: tutto quello che c’è da sapere

Non c’è soltanto il contrasto alla Pandemia da Covid-19 nei pensieri del governo e dei rappresentanti dei vari livelli istituzionali del territorio.

Il mese che ci apprestiamo a vivere, infatti, (salvo imprevedibili sconvolgimenti legati al peggioramento della situazione epidemiologica) sarà ricco di appuntamenti elettorali.

Il 20 e il 21 Settembre, tutti i cittadini Italiani aventi diritto saranno chiamati ad esprimersi in merito al quesito referendario del cosiddetto “Taglio dei Parlamentari.”
Si tratta specificamente di approvare o respingere la legge di revisione costituzionale (già votata dalle due Camere) che prevede il taglio del 36,5% dei componenti di entrambi i rami del Parlamento.

Qualora dovessero prevalere i Sì, la Camera passerebbe da 630 a 400 seggi elettivi e il Senato da 315 a 200.

Se, invece, prevalessero i No, tutto resterebbe invariato.

Trattandosi di un referendum “Confermativo”, affinchè esso sia valido, la Costituzione non prevede il raggiungimento del Quorum del 50% +1 degli aventi diritto al voto.

Nello stesso momento, i cittadini residenti in Campania, Marche, Liguria, Puglia, Toscana, Veneto e Valle D’Aosta saranno chiamati alle urne per eleggere il nuovo Presidente della Giunta Regionale ed il nuovo consiglio.

Si voterà, inoltre, per eleggere 1.184 sindaci e rinnovare altrettanti consigli comunali.

18 i comuni capoluogo (tre dei quali capoluogo di regione) al voto: Chieti, Matera, Crotone, Reggio di Calabria, Lecco, Mantova, Fermo, Macerata, Andria, Trani, Nuoro, Agrigento, Enna, Arezzo, Bolzano, Trento, Aosta e Venezia.

Dei 1.184 comuni chiamati al voto, 156 sono superiori a 15.000 abitanti e 1028 inferiori (con l’eccezione della provincia autonoma di Trento, in cui si considerano superiori i comuni con più di 3.000 abitanti)

Per i comuni superiori a 15.000 abitanti (3000 in provincia di Trento), l’eventuale turno di ballottaggio è previsto per il 4 e 5 Ottobre.

In Sicilia, le elezioni amministrative si terranno il 4 ed il 5 Ottobre con eventuale turno di ballottaggio da tenersi il 18 e il 19 Ottobre.

In Sardegna, infine, si voterà per eleggere i nuovi sindaci e per rinnovare i consigli comunali il 25 e 26 Ottobre. L’eventuale turno di ballottaggio è previsto per l’8 e il 9 Novembre.

I Comuni Lucani al Voto

Sempre il 20 e il 21 Settembre, si voterà anche per eleggere il nuovo sindaco ed i nuovi consiglieri comunali in 22 comuni lucani (13 della Provincia di Potenza e 9 della Provincia di Matera, tra cui la città dei Sassi.)

Matera è l’unico comune lucano chiamato al voto che supera i 15.000 abitanti, dunque con possibile secondo turno di ballottaggio il 4 e 5 Ottobre.

Provincia di Potenza

Acerenza
Avigliano
Carbone
Castronuovo di Sant’Andrea
Cersosimo
Corleto Perticara
Filiano
Francavilla in Sinni (*)
Lagonegro (*)
Moliterno
Sant’Arcangelo
Senise (*)
Tolve

* Si vota per motivi diversi dalla scadenza naturale del mandato

Provincia di Matera

Accettura
Craco (*)
Grottole (*)
Irsina
MATERA
Montalbano Jonico
Salandra
San Giorgio Lucano (*)
Tursi

(*) Si vota per motivi diversi dalla scadenza naturale del mandato

Scade domani, Sabato 22 Agosto alle ore 12, il termine ultimo per la presentazione delle liste.

Si Vota Domenica 20 Settembre dalle ore 7 alle ore 23 e Lunedì 21 Settembre dalle 7 alle 15.

Nei prossimi giorni, la nostra redazione renderà noto il proprio palinsesto di programmazione di eventi relativi al racconto della campagna elettorale.

 

Potrebbe interessarti
Articoli correlati
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
RICEVI GRATIS LE NOSTRE NOTIZIE