Condannati a 30 e 20 anni di carcere due uomini per la morte di Vito Vitale originario di Sarconi

Il tribunale collegiale del dipartimento giudiziario di Montecristi ha condannato due uomini a 30 e 20 anni e ha rilasciato un terzo e l’ex moglie dello sfortunato italiano.

I giudici hanno condannato Anderson González e Máximo Starlin Cabreja rispettivamente a 30 e 20 anni per la morte del cittadino italiano Vito Vitale, originario di Sarconi, avvenuta nella città di San Fernando de Montecristi il ​​28 novembre 2016 in Repubblica Dominicana. Il procuratore Nilvio Martinez ha dimostrato che Anderson ha violato gli articoli del codice penale 295,296,297, 379, 385 e 302 a danno di Víto Vitale e 66 e 67 della legge 631-16 a danno dello Stato dominicano, mentre Máximo ha violato gli articoli 295, 296 e 297 e art 338 del codice di procedura penale.

Dopo due anni e sei mesi di prigione, la corte ha assolto l’ex moglie Arisleyda Maximiliana Carrasco e José Paulino Hamilton di tutte le accuse. Conforme all’articolo 337 numero 2 del codice di procedura penale. Poiché le prove fornite non erano sufficienti per stabilire la responsabilità penale dell’imputato.

Un grosso apparato militare e di polizia era presente nel palazzo di Giustizia di Montecristi che hanno proibito l’ingresso ai parenti e agli amici degli imputati. Dopo aver lasciato il tribunale Arisleyda Carrasco, è scoppiata a piangere e ha detto alla stampa che i giudici sono stati illuminati da Dio, hanno fatto giustizia e dimostrato la sua innocenza. Il condannati sono stati trasferiti nelle prigioni di prigioni di Mao e Dajabón.

Potrebbe interessarti
Articoli correlati
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
RICEVI GRATIS LE NOSTRE NOTIZIE