Cronache

REFERENDUM ANTI-TRIVELLE: ASS. BENE COMUNE VIGGIANO, SI VUOLE SABOTARE CONSULTAZIONE


Non so se, come sostiene il Presidente del Consiglio Piero Lacorazza, al Governo “è mancato il coraggio di far scegliere gli italiani” o piuttosto abbia prevalso la volontà si sabotare la consultazione: è il commento dell’Associazione Bene Comune Viggiano affidato al presidente Vittorio Prinzi in merito alla decisione del Consiglio dei Ministri di fissare al 17 aprile il referendum anti-trivelle in mare. Dalla “terra del petrolio” che conosce direttamente gli effetti dell’attività di estrazione e produzione del greggio – continua Prinzi – si sono elevati in tutti questi giorni numerosi appelli a sostegno della richiesta dell’election day che invece, con alibi formali, è stata ignorata. Oltre allo spreco di ben 300 milioni di euro per il costo della consultazione in una fase di sempre più forte disagio sociale per gli italiani – aggiunge Prinzi – si interpreta con chiarezza il tentativo di scoraggiare la partecipazione al voto soprattutto perché gli elettori di numerose città e numerosi comuni dovranno votare successivamente per i rinnovi di sindaci e consigli comunali.

Da democratici impegnati attraverso l’associazione a rinnovare la partecipazione dei cittadini e a contribuire al recupero della fiducia tra politica-istituzioni e cittadini non può che colpirci l’effetto della scelta del Governo proprio sul terreno della fiducia. Nel nostro Paese ben poco democratico, la democrazia diretta fa venire l’orticaria a chi governa. Il fatto che il popolo si possa esprimere con un referendum su una norma e magari la cassi è visto come il fumo negli occhi. Ed uno degli espedienti più utilizzati per fare in modo che nulla cambi è l’escamotage di indire il referendum in un giorno diverso rispetto a quello in cui l’elettorato è già chiamato alle urne, per elezioni amministrative o politiche. Non ci resta – conclude – che associarci all’appello al Presidente della Repubblica Mattarella perché raccolga la richiesta di election day.

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com