Politica

Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti: protocollo d’intesa tra la regione Basilicata ed il Conai



Il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, e il presidente del Conai, Luca Ruini, hanno firmato oggi a Potenza un protocollo d’intesa che ha come obiettivo principale l’incremento della raccolta differenziata dei rifiuti da imballaggio sul territorio regionale e, successivamente, il riciclo dei materiali così recuperati. Prima della sottoscrizione, i contenuti del documento, che sigla la collaborazione tra Regione e Conai, sono stati illustrati in una conferenza stampa.

“E’ di oggi la notizia  – ha esordito il presidente Bardi – che nella nostra Costituzione è stato introdotto il principio della tutela dell’Ambiente. Come Regione accogliamo con soddisfazione questa modifica della nostra Carta. Siamo sicuri che il riferimento alla parola ambiente possa essere di stimolo per tutti noi, istituzioni e cittadini, a contribuire ad assumere quei comportamenti responsabili che ci portano ad avere un ambiente sempre più sano. In questo contesto si inserisce anche il protocollo d’intesa con Conai – ha continuato Bardi – che ci permetterà di mettere in campo tutta una serie di iniziative, con benefici per tutta la comunità regionale e a costo zero, per trattare i rifiuti cartacei e da imballaggio, prodotto impegnativo da smaltire che richiede particolari sistemi di trattamento”.

Il presidente ha evidenziato gli impegni del Conai, anche attraverso i Consorzi di Filiera, a fornire il supporto tecnico per: varie azioni, tra le quali la redazione del Piano di Ambito da parte dell’Egrib,  lo sviluppo di linee guida di progettazione standard dei Ccr e le linee guida di premialità per le utenze e la predisposizione di progetti di sviluppo della raccolta differenziata. A queste si aggiungono la realizzazione di una campagna merceologica sui rifiuti urbani con codice Eer 200301, con l’obiettivo di verificare le quantità di rifiuti di imballaggio che i cittadini conferiscono in modo non corretto nel rifiuto urbano residuo e specifiche giornate formative e informative oltre che la realizzazione di campagne mirate ai cittadini per sensibilizzare sulla raccolta differenziata. Tra le azioni a carico della Regione, la promozione di convenzioni, sia quelle previste dall’accordo quadro Anci-Conai sia quelle tra Enti locali e Consorzi di filiera, affinché i rifiuti di imballaggio vengano conferiti a Conai e il reperimento di risorse per l’incremento quali-quantitativo della raccolta differenziata sul proprio territorio.

“La gestione dei rifiuti è anche un dato culturale. Da un lato – ha evidenziato l’assessore regionale all’Ambiente ed Energia, Gianni Rosa – ci sono le istituzioni che devono creare il sistema della raccolta dei rifiuti nell’ambito della gestione della cosa pubblica, dall’altro c’è la collaborazione diretta del cittadino con la propria sensibilità e i comportamenti corretti. Dal canto nostro, stiamo mettendo in campo una serie di azioni per migliorare la qualità della raccolta differenziata e subito dopo quella dei processi di recupero. Sono convinto che l’accordo con il Conai, ente di grande esperienza, ci aiuterà a raggiungere i nostri obiettivi.  Stiamo lavorando alla modifica del Piano regionale risalente al 2016, cambiandolo in funzione delle nuove norme e a revisionare e completare a rete infrastrutturale. Ad aprile 2021 abbiamo chiuso un importante accordo con il Corepla per la raccolta della plastica. Abbiamo finanziato oltre 100 centri di raccolta in altrettanti Comuni per circa 20 milioni di euro e investito circa 2 milioni di euro per la lotta all’abbandono dei rifiuti. Unica regione in Italia, con una legge abbiamo stanziato 13 milioni di euro delle compensazioni ambientali derivanti dal petrolio a favore dei Comuni per migliorare anche la loro organizzazione sulla gestione della raccolta dei rifiuti. Abbiamo anche rilanciato il ruolo dell’Egriib che finora non si è mai occupato di rifiuti, mettendo mano alla redazione del Piano d’ambito e arrivare alla tariffazione puntuale, nel rispetto del principio secondo il quale tutti i cittadini devono pagare per quanto producono. Con Egrib, infine, la Regione presenterà oltre 130 progetti candidandoli al Pnrr, proprio sul tema dei rifiuti, della differenziata e degli impianti di depurazione dei fanghi”.

“Siamo felici di iniziare questo nuovo percorso con la Regione Basilicata – ha commentato il presidente Conai Luca Ruini. – I nostri sforzi saranno inizialmente concentrati su una campagna merceologica legata ai flussi dei rifiuti urbani, per capire come viene fatta la raccolta in Regione e cosa va migliorato. I risultati di questa indagine ci permetteranno di supportare con più consapevolezza la realizzazione del Piano di Ambito da parte dell’Egrib, l’Ente di Governo per i Rifiuti. E voglio ricordare un altro punto dell’accordo: aiuteremo i Comuni anche in quei progetti per migliorare la raccolta differenziata finanziabili con le risorse del Pnrr. Le amministrazioni che si sono candidate a realizzarli potranno contare sul supporto di Conai nelle fasi di start-up e di realizzazione. Del resto, mettere il nostro know-how e le nostre competenze a disposizione delle realtà territoriali è parte dei nostri compiti istituzionali. E, come ricordo spesso, dove c’è una chiara volontà politica un impegno di questo tipo può portare grandi risultati anche in tempi brevi”.

Alla conferenza stampa hanno partecipato l’amministratore unico dell’Egrib, Canio Santarsiero, che ha sottolineato il “beneficio enorme che il protocollo porterà alla regione”, anche per il supporto all’ente “per la realizzazione del Piano d’ambito e delle linee guida”, e la dirigente generale Liliana Santoro.

La REGIONE BASILICATA nel Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti, approvato dal Consiglio regionale con D.C.R. n. 568 del 30.12.2016 (pubblicato sul B.U.R. n. 3 del 16.02.2017) e nella Legge Regionale n. 35 del 16.11.2018 ha stabilito di voler perseguire, tra l’altro, i seguenti obiettivi:

  1. a) la riduzione alla fonte della quantità di rifiuti prodotti;
  2. b) il recupero dai rifiuti di materiali riutilizzabili ed il loro riutilizzo;
  3. c) la riduzione massima della quantità di rifiuto urbano non inviato al riciclaggio;
  4. d) raggiungimento dell’obiettivo di autosufficienza per l’impiantistica di trattamento e recupero per i rifiuti urbani e speciali.

In particolare, nel Piano era stato previsto di raggiungere, già entro l’anno 2021, l’obiettivo dell’effettivo riciclo pari al 50% delle componenti carta, cartone, plastica, metalli, vetro, legno, frazione organica dei rifiuti urbani e assimilati;

Al fine di realizzare tali obiettivi, in tutto il territorio regionale sono adottate le seguenti azioni:

  1. incentivare il contenimento e la riduzione della produzione di rifiuti e di potenziare quantitativamente e qualitativamente le raccolte differenziate mediante la progressiva adozione di sistemi di misurazione puntuale dei rifiuti conferiti al servizio pubblico;
  2. favorire la valorizzazione dei rifiuti in termini economici e ambientali, in coerenza con il principio di prossimità, privilegiando il recupero di materia a quello di energia;
  3. ridurre la produzione ed il trattamento di rifiuti speciali e la loro pericolosità;
  4. ridurre la tassa sui rifiuti applicata dalle Amministrazioni Comunali nei confronti dei cittadini.

Con la sottoscrizione del presente Protocollo di Intesa si vuole instaurare un rapporto di collaborazione tra la Regione Basilicata ed il CONAI finalizzato principalmente a:

  • adottare iniziative dirette a favorire lo sviluppo della raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio nella regione Basilicata ed il loro avvio al recupero ed il riciclaggio;
  • individuare una linea comune per uniformare il modello di raccolta differenziata a livello regionale dei rifiuti di imballaggio;
  • supportare le Stazioni Appaltanti e/o Centrali Uniche di Committenza nello sviluppo e nell’applicazione del GPP (Green Public Procurement);
  • organizzare incontri formativi ed informativi a favore delle amministrazioni comunali con lo scopo di illustrare l’applicazione del vigente Accordo Quadro Anci-CONAI e dei relativi allegati tecnici e tutte le ulteriori tematiche di interesse, con l’obiettivo di fornire strumenti utili per pianificare una gestione più efficiente, efficace ed economica della raccolta differenziata, non solo dal punto di vista ambientale;
  • contribuire, laddove necessario e richiesto dai Comuni in forma singola o aggregata alla predisposizione di progetti di sviluppo della raccolta differenziata dei rifiuti e dei rifiuti di imballaggio;
  • contribuire alla realizzazione di apposite campagne informative rivolte ai cittadini sulla corretta separazione dei rifiuti di imballaggio;
  • effettuare una capillare mappatura di tutto il sistema impiantistico regionale pubblico e privato, con relative capacità di trattamento e stoccaggio, a supporto della raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio e delle attività di riciclaggio e recupero;

Il suddetto Protocollo di Intesa prevede, tra l’altro, l’impegno da parte del CONAI, anche attraverso i Consorzi di Filiera, a fornire a proprie cure e spese il supporto tecnico per:

  • la redazione del Piano di Ambito da parte dell’EGRIB (Ente di Governo per i Rifiuti);
  • lo sviluppo di linee guida di progettazione standard dei CCR e linee guida di premialità per le utenze, in particolare per il conferimento di rifiuti di imballaggio;
  • la predisposizione di progetti di sviluppo della raccolta differenziata dei rifiuti e dei rifiuti di imballaggio finalizzata al riciclo e recupero;
  • la realizzazione di una campagna merceologica sui rifiuti urbani con codice EER 200301 con l’obiettivo di verificare le quantità di rifiuti di imballaggio che i cittadini conferiscono in modo non corretto nel rifiuto urbano residuo. Le modalità operative verranno successivamente definite d’intesa con la Regione Basilicata;
  • specifiche giornate formative e informative sui contenuti del vigente Accordo Quadro Anci-CONAI e relativi allegati tecnici e su altri temi che verranno successivamente concordati in base alle esigenze dei Comuni interessati dal presente Protocollo d’Intesa;
  • partecipare, direttamente e per il tramite dei Consorzi di Filiera di cui all’art. 223 del D.Lgs. n. 152/2006, alla realizzazione di campagne mirate di informazione e sensibilizzazione dei cittadini alla raccolta differenziata, riciclaggio e recupero dei rifiuti di imballaggio, a fronte di concreti e realizzabili piani di sviluppo approvati dagli Enti preposti al servizio di raccolta.

Al fine di rendere operativo il presente Protocollo d’Intesa, la Regione Basilicata si impegna a:

  1. promuovere e incentivare lo sviluppo di sistemi di raccolta differenziata secondo criteri di efficienza, efficacia, economicità e trasparenza, nonché promuovere la stipula delle convenzioni previste dal vigente Accordo Quadro Anci-CONAI;
  2. promuovere attività affinché dagli Enti locali (Comuni o raggruppamenti di Comuni), e/o dalle Società di servizi delegate dai Comuni, vengano sottoscritte le convenzioni con i Consorzi di Filiera, e affinché i rifiuti di imballaggio vengano conferiti a CONAI, tramite i soggetti di cui all’art. 223, comma 1, del D.Lgs. n. 152/2006 e s.m.i., secondo le modalità indicate dal vigente Accordo Anci-CONAI;
  3. individuare risorse per l’incremento quali-quantitativo della raccolta differenziata sul proprio territorio regionale;
  4. organizzare giornate formative sulla normativa vigente di settore dedicate ai tecnici degli enti pubblici e privati.

Potrebbe interessarti
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com