Primo PianoSocietà e Cultura

Inaugurato a Marsico Nuovo il “Borgo della Musica”



Presso il Palazzo Pignatelli di Marsico Nuovo (PZ) si è tenuta la conferenza sul “Borgo della Musica” alla presenza del Presidente della Regione Marcello Pittella. Domenico Vita, ex Sindaco di Marsico Nuovo ha introdotto il progetto, spiegando che si è lavorato per dieci anni con due amministrazioni e infine si è giunto al risultato dichiarando: “Siamo convinti che andrà benissimo”. Domenico Vita, attualmente assessore ai Lavori Pubblici ed Edilizia Scolastica del paese , continua dicendo che ci sono state già altre iniziati a sostegno del  “Borgo Albergo” come la grande manifestazione su Georges Brassens, considerato a livello internazionale come uno dei più grandi maestri della canzone d’autore, le cui origini dei nonni materni erano di Marsico Nuovo e anche per questo è stato chiamato “Borgo della Musica”. La parola poi è passata all’attuale Sindaco del paese Mina Sassano, che ha portato avanti il completamento del progetto, iniziato appunto quando era Assessore al Turismo, ribadendo che il Borgo sarà caratterizzato dalla Musica ed ogni alloggio porterà il nome di un cantautore da Brassens il cui nome si è dato alla reception a Mango, Pino Daniele, Lucio Dalla ed altri ancora. Inoltre la serata è stata onorata dalla presenza del maestro Graziano Accini con cui si sta ragionando sul percorso della musica e da un videomessaggio di Rocco Papaleo.  Il Sindaco poi aggiunge che molto probabilmente si porterà il ritiro della S.S. Monopoli 1966 a Marsico Nuovo.

La presentazione è terminata con l’intervento del Presidente Allegroitalia Piergiorgio Mangialardi che ha elencato i punti cardini della società, tra cui l’arte, come la riqualificazione degli immobili, infatti sono stati ritrovati “pezzi antichi” per arredarli e tutto ciò che appartiene alla storia di Marsico Nuovo, il vero tesoro del paese. Il Direttore scelto per il Borgo della Musica è Marco Fiorentino, gli alloggi messi a disposizione sono otto e la maggior parte sono palazzi storici, espressione della storia del paese, i posti letti sono circa quaranta e se ci sarà neccesità  il Borgo si amplierà con l’ambizione di arrivare a sessanta, ospitando così più turisti e quindi muovendo l’agricoltura del posto e contribuiendo a far visitare la Valle e i paesi limitrofi.

 

Elisa Casaletto


CLICCA QUI
Close