Società e Cultura

A Viggiano nella notte del liceo classico ripresi temi della vita greca (VIDEO)

Nei giorni scorsi si è svolta a Viggiano, presso l’Istituto «G. Pascoli », sede associata dell’I.I.S. «G. Peano» di Marsiconuovo, la I edizione della Notte del Liceo classico. L’iniziativa si è diffusa tanto da ottenere il patrocinio del Miur e da coinvolgere quest’anno 407 istituti. La serata ha avuto inizio con quello che è diventato l’inno ufficiale della Notte del Liceo classico, la canzone «Nani e giganti», composta dal giovane cantautore fiorentino Francesco Rainero. Sono intervenuti la dirigente scolastica, Serafina Rotondaro, il presidente del Consiglio d’istituto, Giovanni Vita, e il sindaco di Viggiano, Amedeo Cicala. Le attività proposte hanno ripreso alcuni temi essenziali della vita greca e latina. A partire dalla dimensione quotidiana, attraverso la politica, attività centrale nella vita della polis greca al pari del cosiddetto negotium romano; proseguendo con le attività dell’otium, inteso come tempo dedicato allo studio e alla conoscenza, trattando dei grandi autori della letteratura classica e contemporanea.

Da non trascurare la dimensione intima e profonda dell’ambiente, scandita dalla full immersion nel mondo classico con i laboratori «Nozioni introduttive all’arte greca» e «iMITando». Nel frattempo l’atrio scolastico ha intrattenuto e accolto i nuovi arrivati, attraverso la proiezione di interessanti prodotti multimediali editi interamente dagli studenti, tra i quali: la video-intervista a montaggio incrociato a studenti, ex-studenti, professori, dirigente scolastica e vicepreside, le «interviste impossibili » a personaggi storici e un reportage sulla condizione femminile dall’antica Grecia ai giorni nostri. Sono pure intervenuti il sottosegretario, Vito De Filippo, e Ulderico Pesce, attore e regista teatrale. Il sottosegretario ha sottolineato l’impor – tanza e l’attualità degli studi classici. «Lo studio dei classici della storia – ha detto – riscatta la spina della memoria e ha una sola alternativa: l’ignoranza o il disorientamento, la memoria è un luogo fertile di futuro ».

 

FONTE. LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO

Potrebbe interessarti
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
RICEVI GRATIS LE NEWS