Un sostegno collettivo alle attività della valle affinché si eviti la chiusura

#Andiamoalmareanchesepioverà

di Domenico Ielpo

In questo momento così difficile, in cui ogni giorno il bollettino dei nuovi contagi e morti da Covid-19 fa rabbrividire, lasciando poco spazio ad altri pensieri che non siano la paura e lo sconforto, bisogna comunque cercare di pensare positivo e augurarsi che prima o poi si dovrà ripartire.

Se da un lato non è ancora possibile prevedere quando e come si ripartirà, evidenti invece, sono gli effetti sul tessuto sociale ed economico, causati dalle misure restrittive messe in campo per contrastare l’emergenza sanitaria in atto.

La chiusura forzata di tante attività artigianali e commerciali, che già attraversavano momenti non facili a causa della crisi economica generale, determinati da tanti fattori, quali la difficoltà di accesso al credito e non ultimo il sempre più diffuso ricorso agli acquisti presso i grandi Store o sulle piattaforme on-line, non fa altro che aggravare il loro disagio finanziario.

Alla fine di questa emergenza, quando sarà possibile, lentamente e con tutte le precauzioni del caso, ritornare alla vita di tutti i giorni e le attività finalmente potranno riaprire, probabilmente qualcuna non lo farà perché non aiutata abbastanza dalle istituzioni a superare questo difficile momento, chi riaprirà, dovrà affrontare mille problemi economici, dalle rate del mutuo e delle tasse posticipati da pagare ai pochi incassi per via del lento ritorno alla produttività pre-emergenza.

Ci aspettiamo che l’Europa e il Governo intervengano con misure straordinarie, da programmare già da ora, volte a salvaguardare nell’immediato tutte le attività affinché nessuna cada sotto i colpi di questa assurda guerra e con la prospettiva di un rilancio economico che prenda spunto da quanto successo per accelerare su processi di innovazione e migliore qualità della vita e dell’ambiente.

Se in questo momento così difficile non si interviene tutti insieme a sostenere soprattutto le piccole e medie attività che sono la linfa vitale dei piccoli centri come il nostro, anche dopo che l’emergenza sarà terminata ci ritroveremo di fronte al paesaggio spettrale di questi giorni, con serrande chiuse e strade vuote, determinando di fatto, effetti a catena irreversibili che porteranno ad un ancora più accentuato spopolamento.

Tutti, in qualche modo dalle istituzioni a noi cittadini, ora più che mai, dobbiamo lottare a finché il posto dove viviamo sopravviva, perciò mi sento di accogliere gli appelli di due associazioni locali, che sottolineano le difficoltà anche economiche che stanno attraversando in questo periodo. L’associazione “COMART” (Associazione Commercianti e Artigiani di Villa d’Agri), in un post sulla loro pagina Facebook, invita la popolazione ad aiutare tutte le attività locali, privilegiando, ove possibile, gli acquisti in loco anziché su internet o nei grandi Store. Il Comitato Ambulati di Moliterno (CAM), in una nota pubblicata sulla nostra testata, lanciano il loro grido di allarme, sottolineando il disagio in cui si trovano, dovendo pagare le tasse annuali per l’occupazione del suolo pubblico TOSAP e COSAP, tutte le tasse non rinviate dal Governo, assolvere gli impegni presi con i fornitori, mentre non producono reddito, vista anche l’incertezza su quando torneranno a lavorare, temono la scomparsa della loro categoria.

Anche noi della Gazzetta della Val d’Agri, non possiamo rimanere indifferente a tutto ciò, ci sentiamo in dovere di dare un contributo concreto a favore di tutte le attività presenti sul nostro territorio, riconoscendone la capacità di volano che esercitano sull’economia e la vita dell’intera valle.

Possiamo dare il nostro contributo attraverso gli strumenti che abbiamo a nostra disposizione, ovvero l’informazione, la divulgazione e la pubblicità, riuscendo a comunicare attraverso i nostri canali a migliaia di utenti, il messaggio, l’iniziativa che ognuno vorrà mettere in campo per favorire e incentivare la propria attività.

A tal proposito, stiamo creando all’interno del nostro sito web uno spazio che chiameremo “la vetrina della Valle”, dove previa registrazione gratuità si, potrà accedere per inserire il proprio logo, messaggio, volantino, offerta, al fine di pubblicizzare la propria attività.

La vetrina sarà attiva non appena ci sarà la riapertura delle attività e da quel momento, chi lo vorrà, potrà inserire liberamente e gratuitamente per 60 gg., ogni messaggio pubblicitario che riterrà opportuno, nel rispetto delle leggi in materia.

Il nostro è un piccolo contributo che vuole essere di incoraggiamento per chi in questo momento difficile è preoccupato non solo della propria salute e dei suoi cari, ma anche delle sorti della propria attività da cui dipende il suo futuro.

Teniamo duro, tenete duro, e domani tenendoci per mano, “lottiamo affinché ogni individuo possa decidere di andare a mare anche se il meteo ha detto che pioverà” (cit.), ma soprattutto difendiamo la nostra comunità.

#Andiamoalmareanchesepioverà

Potrebbe interessarti
Articoli correlati
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
RICEVI GRATIS LE NOSTRE NOTIZIE