Società e Cultura

Uil Scuola: si fa presto a dire “estendiamo la didattica a distanza”

Si fa presto a dire “estendiamo la didattica a distanza” dimenticando che per il personale docente non esiste giuridicamente il lavoro agile. A sostenerlo è la Uil Scuola in una nota a firma del segretario regionale Luigi Veltri. Al Ministero in tutta fretta si è dunque pensato al contratto integrativo sulla didattica a distanza, e venerdì scorso, nel giro di poche ore – probabilmente per inseguire il nuovo Dpcm che sulla scuola parla proprio di didattica a distanza – si è chiesto di realizzare un contratto integrativo. Proprio quel contratto che era stato rivendicato per mesi da tutte le organizzazioni sindacali. Un’esigenza per la verità avvertita da tutti, anche da noi della Uil Scuola, che ora ci troviamo a spiegare le ragioni di una non-firma di quella che nei fatti appare (o è) più una circolare camuffata, che un contratto in cui si stabiliscono diritti e doveri lavorativi.

Restano aperti troppi problemi.

  • Un accordo che non affronta i nodi cruciali delle tutele ai lavoratori. I fragili ostinatamente ignorati.
  • Il personale in quarantena, che seppur non contagiato, vive condizioni familiari e personali psicologicamente pesanti, affatto considerate.
  • I precari per i quali non si prevedono facilitazioni per i costi di connessione e l’acquisto di device. I dirigenti scolastici che si vedono consegnare una gestione sempre più esplosiva, complicata da nuovi problemi e da nessuna soluzione e che ne rispondono direttamente della sicurezza dei luoghi e dei lavoratori (chissà se il domicilio del docente è un luogo di lavoro, e come si garantisce la sicurezza?).
  • I docenti per i quali, nella didattica a distanza, si mantengono gli stessi identici orari della normale attività di insegnamento senza le pause previste per i lavoratori che svolgono lavoro al videoterminale pone enormi conseguenze anche sulla salute, delle quali qualcuno dovrà rispondere; non si considera nemmeno che l’utilizzo di numerose piattaforme informatiche li espone alla violazione della privacy di piattaforme, con sedi legali all’estero che rispondono a legislazioni straniere.
  • Un testo puntuale nel richiamare norme, articoli commi e lettere, ma evanescente sui doveri e sugli obblighi non fa che aumentare la confusione già al limite del collasso.
    Il contratto deve dire con chiarezza quali sono gli obblighi e quali i doveri, non deve avere appendici di sorta e magari attuato in ‘interpretazioni’ burocratiche che aumentano confusione e contenziosi.

La nuova situazione che stiamo vivendo – evidenzia la Uil – necessita di regole nuove, da definire nel quadro di relazioni sindacali ispirate alla disponibilità, finora mancata su tutte le materie calde.
La trasposizione di regole ordinarie non è metodo per affrontare l’eccezionalità. Lungimiranza, visione prospettica, tempi adeguati per decisioni complesse è ciò che serve per evitare errori.

Avevamo chiesto misure eccezionali per fare fronte ad eventi eccezionali. Quelli che la narrazione ministeriale non ha potuto modificare, anzi la situazione si è aggravata e bisogna correre ai ripari.

Bisogna invece coinvolgere i lavoratori. Si può fare con la contrattazione e con la condivisione che, gioco forza, viene dalle relazioni sindacali che sono state abbondantemente snobbate.

Decidere di governare la scuola senza condivisione significa seguire un punto di vista sbagliato e che si sta rivelando fallimentare.
Lo scollamento che registriamo nelle scuole ora è l’effetto della governance delle circolari: docenti preoccupati al limite della paura, che non si sentono difesi, mandati allo sbaraglio con la favola che le scuole sono sicure.
Le scuole hanno solo una prerogativa: agiscono in termini pedagogici e culturali sul tessuto sociale per questo sono importanti e devono essere aperte, ma con le garanzie che competono ad ogni persona che lavora.

Non si può però pensare di sacrificare il personale della scuola esponendolo a rischi inaccettabili. Serve chiarezza e nascondere la realtà non serve.

Un sindacato serio e coerente come la UIL – dice Luigi Veltri – svolge la propria azione non a comando, nemmeno dopo una partecipazione attiva e propositiva al tavolo, dove i tentativi di affrontare ordinatamente tutte le questioni sono stati bloccati.

Solo se si ricostituiscono i presupposti di corrette relazioni sindacali per una nuova programmazione e di un vero tavolo interistituzionale di garanzia si riuscirà, forse, a riprendere una giusta direzione. Si tratta di una nuova fase politica in discontinuità netta con la prima.

Se l’atteggiamento della parte pubblica sul tema delle relazioni sindacali e sul rispetto dei ruoli non potesse mutare, per la nostra Organizzazione sarà davvero difficile proseguire il confronto di merito.

Potrebbe interessarti
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
RICEVI GRATIS LE NEWS