Primo PianoLavoro e Salute

Sezioni Primavera ancora senza fondi, le educatrici attendono da mesi l’erogazione

Riceviamo e pubblichiamo.

Da settembre 2017 ad oggi la Regione Basilicata non ha garantito i contributi per i servizi di asilo per i 900 bambini dai 2 ai tre anni. Pertanto le 300 educatrici lucane attendono ormai da mesi che i funzionari eroghino i fondi. A dare spazio ai giochi politici sono gli uffici del terzo Settore.
Le Cooperative ogni giorno ricevono notizie false sui pagamenti e visto la mancata approvazione del bilancio 2018 e la mancata programmazione dei servizi negli ultimi anni le educatrici rischiano di perdere tutti gli investimenti.

Il Direttore Pafundi del dipartimento Sanità sembra non riuscire ad avviare i pagamenti in dodicesimi, e le Cooperative hanno dovuto rateizzare ulteriori spese con ulteriore aggravio.
Giovedì la notizia dei pagamenti sembrava reale, venerdì gli uffici di ragioneria comunicano i pagamenti solo ai Comuni e alle Scuole all’80% e non un centesimo per gli Enti Privati.

La legge prevede pagamenti in dodicesimi da gennaio ma al 16 febbraio ne uno ne due, anzi ci è parso di capire da un legale di fiducia che se trattasi di servizi o di danni ai servizi avrebbero potuto elargire l’80% .

Ci chiediamo se sia legale quanto stia accadendo non un solo politico non un solo organo di controllo pare possa gestire tale disagio. Non si può tollerare l’indifferenza, la mancata presa di coscienza dell’assessore Franconi o dell’assessore Cifarelli, dell’intera Giunta e di tutti i funzionari in Basilicata, di chi è stato al Miur o di chi ancora ha la faccia tosta di proporsi, se non si è riusciti a programmare 800.000 euro di fondi per 60 asili, a sostenerli, ne una volta l’anno e ne dopo 18 mesi.

Una vergogna. La Basilicata è l’unica Regione a non aver elargito i fondi, in altre regioni vengono garantiti acconti e pagamenti regolari. Chiediamo coinvolgendo l’opinione pubblica, che lunedì si attivino i pagamenti. Chiediamo al Prefetto di Potenza di intervenire o al Procuratore o a chi voglia garantire a 60 asili una dignitosa continuità.
Tante le donne, qualora non si risolva tempestivamente, che hanno deciso di accettare le supplenze nelle scuole materne del nord. Continua lo spopolamento…..

Dott.ssa Filomena Briamonte – Presidente della Cooperativa Sociale Giocando Insieme

Potrebbe interessarti
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
RICEVI GRATIS LE NEWS