Eventi in Basilicata

Sarà presentato il 10 novembre a Moliterno il libro di Nicola Coccia su Carlo Levi


Domenica 10 novembre alle ore 18,30 presso la Bibliomediateca “G. Racioppi” di Moliterno sarà presentato il libro di Nicola Coccia “L’arse argille consolerai: Carlo Levi dal confino alla Liberazione di Firenze attraverso testimonianze, foto e documenti inediti” che è stato pubblicato nella nuova edizione dalla Casa Editrice ETS di Pisa.  Libro che contiene documenti inediti, ma anche testimonianze e foto, mai pubblicate fino ad ora, relativi a Carlo Levi, medico, scrittore, pittore, membro del Comitato Toscano di Liberazione.

L’autore, Nicola Coccia, giornalista professionista, per oltre trent’anni alla “Nazione” di Firenze, ha trovato il nuovo materiale nel Lazio, Basilicata, Toscana, Liguria e Svizzera. Il libro racconta il confino di Carlo Levi ad Aliano e il suo arrivo a Firenze
dove  ha diretto  “La Nazione del popolo”, organo del Comitato Toscano
di Liberazione. Proprio a Firenze, sotto l’occupazione tedesca, fra il 1943 e il 1944, ha scritto “Cristo si è fermato a Eboli”, definito da Vittore Branca “il volume più importante del dopoguerra italiano”.

Il libro parla anche di Anna Maria Ichino, la donna che ha rischiato la sua vita nascondendo Carlo Levi, di Paola Olivetti, la moglie dell’industriale delle macchine da scrivere, di Eugenio Montale, Umberto Saba e di altri intellettuali.  Il direttore degli Uffizi, Eike Schmidt, che l’anno scorso ha visitato Aliano e Matera, e il sindaco di Firenze, Dario Nardella, hanno intitolato a Carlo Levi e Anna Maria Ichino le due piazzette laterali a Palazzo Pitti, proprio di fronte alla casa dove Carlo Levi scrisse il “Cristo” e che è stata rifugio di poeti, scrittori, ebrei, combattenti della libertà.

Il libro si è pregiato del conferimento del Premio nazionale Carlo Levi 2016.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Close
Close
WhatsApp Attiva GRATIS le news sul tuo Whatsapp