Cronache

Salerno, immigrazione clandestina tra Basilicata e Campania, in manette il capo dell’organizzazione – (Video)


In Campania, i Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno, nella mattinata di oggi, martedì 14 maggio, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del locale Tribunale, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di Hassan Amezghal, presunto capo dell’organizzazione dedita al favoreggiamento e allo sfruttamento dell’immigrazione clandestina colpita nel corso dell’operazione dello scorso 18 marzo tra Basilicata e Campania.

In quella circostanza, l’uomo era stato sottoposto agli arresti domiciliari, in esecuzione di un’ordinanza applicativa di misure cautelari nei confronti di 35 indagati (27 arresti domiciliari e 8 obblighi di dimora e di presentazione alla P.G.), ritenuti responsabili, a vario titolo, di “associazione per delinquere” (art. 416 c.p.) finalizzata al “favoreggiamento e sfruttamento dell’immigrazione clandestina” (art. 12 D.Lgs. 286/1998), “intermediazione illecita e sfruttamento di lavoratori con o senza permesso di soggiorno”, “riduzione in schiavitù” (art. 600 c.p.), “tratta di persone” (art. 601 c.p.) e altro, con l’aggravante del reato transnazionale (art. 61 bis c.p.).

L’aggravamento della misura cautelare è scaturito da ulteriori accertamenti svolti dai militari dell’Arma con i quali è stato dimostrato che, nonostante fosse sottoposto agli arresti domiciliari, l’indagato ha continuato a reiterare le condotte di reato già contestate nella precedente ordinanza di custodia cautelare.

La maxi-operazione fu eseguita in Campania, a Salerno e provincia, a Battipaglia, Eboli, Montecorvino Pugliano, Olevano sul Tusciano, San Marzano sul Sarno, Pontecagnano Faiano, Nocera Inferiore, Pagani, Altavilla Silentina, Angri, oltre che a Policoro (MT) e Monsummanno Terme (PT), i Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno, con il supporto del 7° Nucleo Elicotteri di Pontecagnano (SA), del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Salerno e del personale dei Comandi Provinciali Carabinieri di Matera e Pistoia.

I provvedimenti restrittivi scaturirono da una complessa indagine condotta dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Salerno, avviata nell’agosto 2015 ed inizialmente finalizzata ad indagare sul fenomeno del caporalato localizzato nella provincia salernitana, ed in particolare nella Piana del Sele.

L’attività, condotta sia con metodi tradizionali che con intercettazioni, ha permesso di scoprire le dinamiche di un fenomeno ben più complesso, in cui lo sfruttamento dei migranti nei lavori agricoli, sia clandestini che regolarmente presenti sul territorio nazionale, costituisce l’ultimo anello di una catena di reati di grave allarme sociale.

All’epoca, furono ricostruiti gli assetti di un sodalizio criminale con base operativa nella provincia salernitana, con ramificazioni in altre province del territorio dello Stato, nonchè in altri Paesi europei, in particolare Francia e Belgio, e in Marocco, dedito alla sistematica violazione del Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, nonchè condotte di riduzione in schiavitù, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro in danno di cittadini extracomunitari.

Partecipi all’associazione sono risultati cittadini italiani e stranieri che, come sempre, lavoravano e vivevano in spazi poco dignitosi, da come si evince da alcune foto e video qui pubblicate, inviate in redazione dagli investigatori che hanno eseguito la maxi-operazione.



Fra gli italiani, numerosissimi sono gli imprenditori agricoli, alcuni professionisti e in particolare un consulente del lavoro.

Nel corso delle indagini è stata analizzata la documentazione relativa al rilascio di permessi di soggiorno stagionale per motivi di lavoro, gestiti per via telematica nell’ambito del “decreto flussi” periodicamente emanato dal Presidente del Consiglio dei Ministri sulla base dei criteri indicati nel documento programmatico triennale sulle politiche delltimmigrazione, con riferimento alla posizione di circa 400 lavoratori non comunitari immigrati dal 2015 al 2018.

Le indagini hanno dimostrato la falsità, in origine, delle domande per la concessione di tali permessi di soggiorno, per i quali ogni migrante era disposto a versare all’organizzazione somme variabili fra i 5mila ed i 12mila euro.

L’organizzazione, dopo aver procacciato in Marocco persone disposte a pagare per ottenere un permesso di soggiorno, anche con l’intermediazione di ulteriori soggetti residenti in Francia e Belgio, era in grado di generare, per il tramite di imprenditori agricoli sodali all’organizzazione, le domande flussi periodicamente inviate al Ministero dell’Interno, la cui gestione veniva, poi, affidata ad un commercialista di Eboli.

Il pagamento delle somme pattuite avveniva in Marocco, dove i migranti consegnavano il denaro ad altri sodali dell’organizzazione. ln alcuni casi le intercettazioni hanno dimostrato che gli stessi migranti contattavano il capo dell’organizzazione facendo esplicita richiesta di un contratto di lavoro falso, chiamato in gergo “servizio” che garantisse l’ottenimento di un regolare visto di ingresso in Itaiia, per poter, in seguito, raggiungere altri Paesi.

Insomma, il solito commercio sui migranti che continua ad andare avanti vergognosamente.

Nella maggior parte dei casi, una volta che lo straniero era arrivato in Italia, con regolare visto emesso in forza di una richiesta nominativa di assunzione avanzata da uno degli imprenditori collusi, la procedura non veniva completata con la sottoscrizione del contratto di lavoro.

In tal modo i migranti, in base alla normativa vigente, ricevevano un permesso per “attesa occupazione” della validità di 12 mesi, periodo addirittura superiore ai 6 mesi, invece, previsti dal permesso di soggiorno stagionale per motivi di lavoro che sarebbe stato rilasciato loro in caso di assunzione.

Erano proprio queste persone ad essere avviate al lavoro irregolare nei campi per essere sfruttate, anche con una successiva regolarizzazione del permesso di soggiorno, determinando quindi l’asservimento all’organizzazione criminale.

È stato possibile riscontrare che, tra le tantissime persone arrivate in Italia, aggirando le procedure, venivano sfruttate nel lavoro in agricoltura fino all’estinzione del debito.

I vari imprenditori agricoli locali aderivano all’organizzazione per mero profitto, garantendosi generalmente manodopera sottopagata per il lavoro nei campi.

In altri casi, invece, si limitavano a ricevere un compenso da 500 a 1.000 euro per ogni contratto di lavoro fittizio a loro richiesto.

Nel corso delle indagini sono emerse anche condotte sussumibili nel reato di riduzione in schiavitù, relative in particolare ad una vittima che, giunta nel nostro Paese, grazie all’organizzazione, è stata privata del passaporto, sottoposta a violenza e minacce, e costretta a prestazioni lavorative continue e massacranti in qualità di bracciante agricola, senza ricevere alcuna retribuzione.

L’organizzazione, in taluni casi, rivelatasi in grado di procurare anche documenti falsi, manteneva contatti con altre associazioni criminali radicate sul territorio nazionale ed estero, al fine di potersi scambiare i migranti sfruttati.

L’indagine assume particolare rilevanza perchè, fa emergere l’esistenza di una forma di immigrazione irregolare non censita rispetto alla classica “rotta mediterranea”, in alcuni casi i migranti arrivavano direttamente con biglietto aereo pagato dall’organizzazione, in grado di ottenere permessi di soggiorno del tutto leciti sotto il profilo meramente amministrativo, se non fosse per la dimostrata falsità ideologica delle domande flussi all’origine.

Ciò ha evidenziato la presenza di organizzazioni criminali, con base sul tenitorio nazionale, in grado di gestire in via diretta il canale migratorio dal paese di origine fino allo sfruttamento nei campi, in territorio storicamente connotato da criminalità organizzata tradizionale, dimostra la possibilità di inserimento da parte di altre organizzazioni criminali, in questo caso gestita da soggetti stranieri perfettamente integrati nel tessuto socio-economico e criminale locale.

Il volume dei profitti è stato stimato intorno ai 6 milioni di euro per i soli permessi di soggiorno garantiti dall’organizzazione a partire dal 2012, a cui si devono aggiungere i proventi legati alla comune attività di caporalato.

Rocco Becce

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Close
WhatsApp Attiva GRATIS le news sul tuo Whatsapp