Società e Cultura

Riscoprire l’amore per il teatro


Vorrei fare una proposta innovativa a tutti i giovani, Associazioni Culturali, Pro Loco ed Imprenditori vari della Val d’Agri – Sub Regione della Basilicata, compresa tra i monti Sirino e Volturino – mettere su un progetto che porterà nella Val d’Agri in primis e nei due capoluoghi, grandi compagnie e nomi di assoluto richiamo del panorama teatrale nazionale, grazie ad una programmazione da ideare per soddisfare le esigenze di un pubblico vario, folto e attento con spettacoli di genere diverso, ma sempre di qualità. Offrire un ventaglio, il più ampio possibile  del mondo del teatro, senza imprigionare l’offerta in “categorie” e invitare il pubblico ad essere altrettanto semplice, liberarsi di ogni sapere, di ogni sicumera, di ogni preconcetto culturale che determina, inevitabilmente, un pre-giudizio che non predispone né all’ascolto e  tanto meno  al ”vivere” e al “sentire” l’altro e  le ragioni dell’altro.

Quando si è liberi, semplici, ingenui, curiosi e maliziosi come i bambini, allora il teatro diventa davvero il luogo delle emozioni, delle sensazioni, delle intuizioni, che colpiscono l’anima e la mente;  diventa il luogo del sentire comune, dell’osmosi tra chi rappresenta e racconta e chi ascolta e vede; diventa il luogo della magia, del mistero, il luogo dello spirito, dell’intelletto. Il teatro così ritorna ad essere il luogo dove si può vedere e gustare tutto quello che non si può vedere, tutto quello che non si può gustare in televisione e in una qualsiasi sala cinematografica, non solo perché, come di facile intuizione, il linguaggio teatrale è cosa diversa, ma per una ragione più profonda, più sostanziale, il teatro senza il pubblico non si può fare, non si fa, non esiste.

Giulia Giarletta

Potrebbe interessarti
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com