Lavoro

Rapporto Bankitalia, Bardi: “effetti positivi bonus gas”. Sindacati: “la Banca d’Italia ha avuto il merito di suonare la sveglia alla Giunta Bardi”




E’ “in affanno” l’economia lucana nei primi nove mesi del 2022, durante i quali si è assistito ad un recupero lento, in un quadro di profonda incertezza, sul quale hanno inciso l’aumento dell’inflazione e i costi di produzione: è questo il quadro che emerge dal Rapporto annuale della Banca d’Italia sull’andamento della economia della Basilicata, presentato, stamani a Potenza, dal direttore delle filiale di Potenza della Banca d’Italia, Gennaro Sansone, dal suo vice Paolo Lucchese, dal responsabile dell’ufficio analisi e ricerca economica della sede di Bari, Maurizio Lozzi, e dal coordinatore del rapporto, Vincenzo Mariani. Il rallentamento che si è registrato soprattutto nella seconda parte dell’anno – hanno spiegato gli analisti – ha riguardato tutti i settori produttivi, fatta eccezione per l’industria estrattiva, e in particolare il settore di produzione delle auto è in difficoltà e questo ricade negativamente sull’export. Il settore terziario, commercio in particolare, è stato fluttuante tra una prima parte dell’anno in crescita e una seconda in perdita per il trend dei consumi. Segnali incoraggianti, invece, dal settore turistico, specie nei mesi primaverili e per quello che riguarda il settore delle costruzioni, mentre per quello che riguarda i finanziamenti bancari ai privati si registra una crescita minima che riflette l’accelerazione del credito al consumo e ai mutui per le famiglie e il rallentamento di quello alle imprese.

“Oggi Banca d’Italia evidenzia il ‘rilevante contributo della Regione per ridurre la spesa delle famiglie relativa al gas, finanziato attraverso le compensazioni ambientali relative alle attività estrattive’, relativamente ai rincari sui bilanci familiari. Il rapporto di Bankitalia evidenzia elementi positivi dell’economia lucana e le criticità della congiuntura che stiamo vivendo, ma grazie alla nostra misura contiamo di tenere a freno l’inflazione e di attrarre nuovi residenti in Basilicata”. Lo afferma in una nota il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi.

L’aggiornamento congiunturale sull’economia della Basilicata contenuto nel rapporto che Banca di Italia ha presentato oggi ha almeno tre elementi di allarme: dopo la ripresa avvenuta nel 2021, il mercato del lavoro lucano ha rallentato nel primo semestre di quest’anno; il ricorso alla cassa integrazione, seppur in diminuzione, rimane elevato nel confronto storico; l’occupazione femminile, maggiormente colpita dalle conseguenze della pandemia, è risultata in diminuzione (-3,4 per cento), al contrario di quella maschile che è cresciuta dell’1,5 per cento. Sono questi ulteriori ed “autorevoli” indicatori economici che avvalorano la preoccupazione del sindacato per l’autunno caldo in Basilicata con tutte le problematiche acuite da alcune vertenze aziendali con centinaia di posti di lavoro in pericolo. A sostenerlo è il segretario regionale della Uil Vincenzo Tortorelli  per il quale l’attesa non può essere rivolta solo ai provvedimenti, le  misure e le azioni del Governo nazionale al quale la Uil ha chiesto innanzitutto di salvaguardare il potere di acquisto dei salari erosi dall’inflazione. La Giunta Regionale di fronte al rapporto di Banca Italia  non può limitarsi a leggere gli aspetti positivi segnati dal recupero dell’economia lucana nei primi nove mesi dell’anno, anche se, come avvertono dirigenti e funzionari della sede lucana della Banca d’Italia, con intensità inferiore rispetto allo scorso anno. Ci sono chiari segnali di crisi specie nel comparto automotive e costruzioni che non vanno sottovalutati.  L’analisi e la riflessione in un contesto di confronto autentico con le parti sociali – dice Tortorelli – sono le precondizioni per affrontare le grandi emergenze di questa fase autunnale e sui fronti costi energetici e spese primarie delle famiglie. Per noi la Banca d’Italia ha avuto il merito di suonare la “sveglia” alla Giunta Bardi.

“Il quadro di incertezza che emerge dai dati resi noti oggi dalla Banca d’Italia era ampiamente prevedibile per effetto della crescita dei prezzi dei prodotti energetici e dei beni di consumo degli ultimi mesi e il conseguente deterioramento delle aspettative di crescita. Si conferma dunque la necessità di intervenire tempestivamente per sostenere la domanda agendo con misure straordinarie a tutela del potere di acquisto delle fasce di reddito medio-basse e dei livelli occupazionali nelle imprese più esposte alla crisi. L’avvio del confronto tra parti sociali e Governo indica che esiste uno spazio di condivisione per affrontare con senso di responsabilità e spirito collaborativo lo sforzo necessario alla messa a punto di politiche che vanno nella direzione dell’equità sociale e della tutela dei più deboli”. Lo ha detto in tarda mattinata il segretario generale della Cisl Basilicata Vincenzo Cavallo commentando il rapporto sull’economia lucana presentato questa mattina a Potenza dalla Banca d’Italia.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com