Lavoro e Salute

Primo appuntamento di Luglio per donare il sangue all’AVIS di Marsicovetere


Siamo ormai dentro la stagione estiva e normalmente in questo periodo c’è necessità di incrementare le donazioni del sangue.

D’estate, infatti, il bisogno aumenta, anche in forza del flusso di turisti presenti sul territorio e per i frequenti eventi di forte richiamo e aggregazione, come festival e concerti che con le aperture post covid-19 potrebbero essere organizzati nella nostra regione. Per questo motivo ci uniamo all’appello diramato qualche settimana fa per invitare chi fosse sensibile a tale gesto a recarsi presso la nostra sede, ospitata al Kiris Hotel il giorno 11 luglio dalle ore 7.30.

In estate occorre la stessa quantità di sacche del resto dell’anno perché non calano i malati che necessitano di trasfusioni, non calano gli interventi chirurgici, non calano i casi di emergenza. Cala invece in modo preoccupante, a causa delle assenze per ferie o delle sospensioni per i viaggi all’estero, la disponibilità di sangue che abbiamo sempre potuto garantire grazie alle donazioni.

Sottoporsi a una donazione di sangue non comporta rischi per la (propria) salute. La quantità prelevata nel corso di una donazione – quella completa dura dieci minuti, non è mai superiore a 500 millilitri e ogni adulto ha nel suo corpo un volume di sangue compreso tra quattro e sei litri. La riduzione del volume di sangue circolante e del numero di globuli rossi (deputati al trasporto di ossigeno) sono due fenomeni ben tollerati da una persona in salute, come deve essere ogni donatore (che viene sottoposto a controlli periodici prima della donazione), chiamato a presentarsi nel nostro centro di raccolta sangue dopo aver consumato una colazione leggera e di assumere abbondanti quantità di acqua (non di altre bevande) nelle ore immediatamente successive alla donazione. Una dieta ricca di ferro e di minerali sarà utile ad accelare il completo recupero nell’arco di poche ore.

La donazione  è un gesto di grande altruismo, volontario e gratuito, ma anche un atto sanitario soggetto a precise normative per la tutela della salute del donatore e la sicurezza del ricevente.

Per ogni aspirante donatore viene compilata una cartella clinica contenente oltre ai dati anagrafici, la storia clinica, l’esito dell’esame obiettivo ed i referti degli esami strumentali e laboratoristici eseguiti: sulla base di tutti questi elementi, nel rispetto di precise disposizioni di legge, viene stabilita l’idoneità donazionale. L’intervallo minimo fra due donazioni è stabilito in 90 giorni per i maschi e 180 per le femmine, cosicché il numero massimo di donazioni per anno risulta di quattro per gli uomini e due per le donne.

Tra le semplici regole da tener presente: rispondere regolarmente agli inviti alla donazione che si ricevono dalla nostra sede e non ultimo sollecitare amici e parenti ad approfittare del maggior tempo libero durante le ferie per diventare nuovi donatori. E’ una scommessa per la vita che i donatori possono vincere con un semplice gesto e un po’ del loro tempo prima di partire “più leggeri” per le vacanze.

Infine un augurio di buon lavoro al neo consiglio direttivo dell’Avis Provinciale di Potenza insediato in data 05 GIUGNO 2021 con a capo la Presidente Nolè Elena dell’AVIS AVIGLIANO.

Potrebbe interessarti
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com