Pertusillo: preoccupa la carenza d’acqua nella diga della Val d’Agri

Emblematica la carenza d’acqua che stanno attraversando gli invasi lucani è la situazione della diga di Lago di Pietra del Pertusillo.

Scarsità di pioggia e neve hanno portano l’invaso della Val d’Agri a contenere ad oggi circa 70 milioni di metri/cubi, quando 1 anno fa erano invece 89 milioni di metri/cubi.

La situazione è diventata ormai preoccupante, come nel resto degli altri invasi lucani, perchè una diga come il Pertusillo potrebbe contenere fino a 155 milioni di metri/cubi di acqua e invece ne contiene nemmeno la metà.

Preoccupa per l’utilizzo che se ne fa delle acque: parte sono destinate all’agricoltura della costa jonica e un’altra parte agli usi industriali del polo siderurgico di Taranto.

La penuria d’acqua del Pertusillo ha già provocato un primo effetto nell’area del Metapontino con la distribuzione irrigua ridotta a 3 giorni a settimana.

L’area della Val d’Agri ha avuto nei mesi di dicembre, gennaio e parte di febbraio una media di piogge molto bassa compresa tra i 20 e i 30 mm, contro una media che nel solo mese di gennaio raggiunge anche i 250 mm di pioggia.

Una mancanza di eventi piovosi nel periodo invernale che non si constatava da anni e sulla quale un invaso, come quello del Pertusillo, ne sta risentendo tutti gli effetti.

 

Coldiretti su crisi idrica in Basilicata

 

Potrebbe interessarti
Articoli correlati
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
RICEVI GRATIS LE NOSTRE NOTIZIE