Società e Cultura

“Persone, non schiave”, per il sostegno ai più deboli: firmato un accordo tra l’Unibas e il Cestrim

L’Università della Basilicata collaborerà con il Cestrim (Centro studi e ricerche sulle realtà meridionali) nel progetto “Persone, non schiave”, destinato a migranti e minori non accompagnati, per prevenire e contrastare fenomeni di sfruttamento e riduzione in schiavitù – prima di tutto in favore delle donne – attraverso iniziative in grado di favorire l’integrazione, tra cui i corsi di lingua italiana, di informatica, e percorsi di formazione e di sensibilizzazione.

E’ quanto prevede un protocollo firmato stamani, a Potenza, nella sede dell’Unibas, dalla Rettrice, Aurelia Sole, e dal Presidente del Cestrim, don Marcello Cozzi. Il progetto, nell’ambito di un bando della Presidenza del Consiglio dei Ministri, mette quindi in piedi una collaborazione tra l’Ateneo lucano e il Centro studi, che parte dalla segnalazione di “potenziali situazioni di tratta e grave sfruttamento lavorativo” e dal “consolidamento di una rete pluridisciplinare e di sensibilizzazione del contesto territoriale” per “favorire il confronto e l’interazione tra tutti gli attori chiave nel settore di intervento”.

Sono poi previsti corsi di formazione “per l’alfabetizzazione linguistica e informatica” con percorsi individuali che tengano conto di ogni singola esigenza, per favorire “l’autonomia personale e lavorativa”, a cui si aggiungono corsi di lingua straniera e incontri con i tutor.

“In un momento come quello attuale – hanno spiegato Sole e don Cozzi – progetti di questo tipo riescono a fornire un supporto a persone che vivono situazioni di tragedia e di sfruttamento: dare loro uno spazio per la formazione personale, prima di tutto quella linguistica e informatica, significa mettere a disposizione gratuitamente gli strumenti primari per l’integrazione e per l’autonomia nella nostra società. Al crescente sentimento di intolleranza e di emarginazione intendiamo rispondere quindi con azioni concrete di sensibilizzazione e di supporto, ovvero gli unici strumenti in grado di costruire un primo ‘scudo’ di libertà e la ‘comprensione’ culturale”. L’iniziativa, inoltre, si inserisce nel percorso intrapreso da tempo dall’Unibas per il contrasto alla violenza di genere, tra cui il progetto “WoMan No alla Violenza di genere” organizzato dalle associazioni studentesche e dai dottorandi dell’Università della Basilicata in collaborazione con il Cug (Comitato unico di garanzia) e la Commissione regionale Pari opportunità, segnalato anche dalla presidente della Conferenza nazionale degli Organismi di parità delle Università italiane, Patrizia Tomio.

Potrebbe interessarti
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

Adblock Detected

Attiva gli annunci per continuare a visitare il sito.
RICEVI GRATIS LE NEWS