CronachePrimo Piano

Perché le carte di Griffa restarono a Cuneo?

La Procura lucana chiede di acquisire l’intero fascicolo piemontese sull’ingegnere morto

Non solo le accuse, non solo il memoriale, ma l’intero fascicolo. Anche se, comunque sia andata la vicenda dell’ingegner Gianluca Griffa, di 38 anni (in passato responsabile del Centro Olio di Viggiano), rinvenuto cadavere ad agosto del 2013 in un bosco di Montà d’Alba nel cuneese e spedito in archivio come caso di suicidio, la competenza non sarà in Basilicata. Ma la Procura di Potenza che ha titolarità sul centro olio di Viggiano e sui diversi casi di presunto inquinamento (dagli sversamenti di petrolio per falle nei serbatoi alle emissioni nella prima fase di trattamento del greggio estratto) di cui ha parlato anche Griffa nelle sue lettere prima di suicidarsi, sarebbe in attesa di ricevere l’intero fascicolo per valutare la questione nel suo complesso. Questo perché, a prescindere dalle circostanze della morte dell’ing.

Griffa, a leggere la lettera da lui lasciata (è già nella disponibilità dei magistrati lucani) ci sarebbero state innegabilmente delle presunte notizie di reato (così classificate anche dai carabinieri che ritrovarono la missiva e ne trascrissero passi in un’informativa) con la richiesta esplicita, da parte dell’estensore, di trasmetterle agli investigatori lucani nel caso a lui fosse successo qualcosa. In realtà, in Basilicata non risulta arrivato nulla e nel fascicolo giudiziario sulla morte di Griffa potrebbe esserci il perché: sono emersi elementi che hanno portato a escludere l’at – tendibilità del contenuto della missiva? Sono state al centro di altre attività che hanno portato a una qualche conclusione e quale? O, ipotesi forse residuale se non incredibile, sono finite vittima di una qualche dimenticanza? Interrogativi a cui potrà dare una risposta l’arrivo degli atti del fascicolo piemontese a Potenza. Questione forse non di ore ma al più di giorni.

FONTE: LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
RICEVI GRATIS LE NEWS