CronachePrimo Piano

Operazione dei carabinieri del Ros di Potenza: i nomi degli arrestati

Un’operazione antidroga condotta all’alba di questa mattina, giovedì 9 febbraio, dai Carabinieri del Ros Sezione Anticrimine di Potenza, alla quale hanno partecipato 60 unità del Comando Provinciale di Salerno, Napoli e Frosinone, con alcune unità cinofile, ha interessato le province di Salerno, Napoli e Frosinone. Sono 10 le persone arrestate, 5 tradotte nelle varie case circondariali ed altre 5 sottoposte agli arresti domiciliari.

Gli indagati sono, Presta Gerardo di 54 anni, nato a Sapri (Salerno), a capo dell’organizzazione, nonostante già sottoposto al regime degli arresti domiciliari, Cairo Vito di anni 74, nato a Belvedere Marittima (Cosenza), Cataldo Fabio di 40 anni, nato a Sapri (Salerno), Christian Buda di 41 anni, nato a Maratea (Potenza) e Raffaele Nilo di 39 anni, nato a Napoli (Campania), tutti finiti in carcere. Agli arresti domiciliari, invece, Graziano Liberti di anni 64, nato a Salerno (Campania), Fortunato Grasso di anni 30, nato a Sapri (Salerno), Francesco Laterza di anni 35, nato a Sapri (Salerno), Rocco Autuori di 37 anni, nato a Battipaglia (Salerno) e, infine, Carmela Smarrazzo di anni 71, nata a Giugliano in Campania (Napoli). L’indagine è stata avviata dai Carabinieri del Ros nel 2015 per competenza territoriale, dopo la soppressione del Tribunale di Sala Consilina, in provincia di Salerno (Campania), con conseguente accorpamento nel Distretto della Corte di Appello di Potenza. I dettagli dell’operazione, sono stati resi noti nella tarda mattinata di oggi, presso la Procura della Repubblica potentina, dal Procuratore capo Luigi Gay, alla presenza del pm Antimafia, Francesco Basentini, del Colonnello Daniele Scardecchia del Comando Provinciale dei Carabinieri di Potenza e del Colonnello dei Carabinieri del Ros di Roma, Lorenzo Sabatino.

A seguito del monitoraggio del narcotraffico, nell’area a Sud del Cilento, si è venuti a capo della base operativa dello spaccio a Sapri, con numerosi pusher addetti alla vendita al dettaglio di sostanze stupefacenti, con diversi contatti anche in altre città. Il rifornimento della droga, in prevalenza eroina, veniva effettuato nell’area di Giugliano in Campania, dai coniugi Vito Cairo e Carmela Sarrazzo, che a loro volta si rifornivano nel casertano da altre organizzazioni malavitose, principalmente di extracomunitari e con contatti telefonici con il Gerardo Presta, trasportando a casa di quest’ultimo la droga. Tutti gli indagati si tutelavano utilizzando cabine telefoniche pubbliche o cellulari intestati a prestanome, con un linguaggio criptico che adoperavano per camuffare gli accordi raggiunti, e la droga la indicavano in bottiglie di vino, mozzarelle o indicazioni di orari fittizi. L’indagine ha così permesso di capire il prezzo della droga venduta, che era di circa 40 euro per ogni dose, composta da circa 0,2 grammi.

Nel corso dell’operazione sono stati sottoposti a sequestro in diversi momenti, ma in particolare in alcuni mesi del 2016, chili 1,085 circa di hashish, grammi 223,50 circa di eroina, grammi 37,0 circa di marijuana e grammi 3,2 circa di cocaina.

Rocco Becce robexdj@gmail.com

Potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
RICEVI GRATIS LE NEWS