Primo PianoSocietà e Cultura

Lo sport come mezzo di coesione sociale. Presentata la Carovana dello Sport Integrato a Villa d’Agri


Quali valori dello sport insegnare? Che cos’è l’inclusione? Che cos’è la normalità?

Alcune domande importanti che i relatori della conferenza stampa, nell’aula magna dell’Istituto Agrario di Villa d’Agri, hanno posto a se stessi e agli altri per definire il “Progetto nazionale Carovana dello Sport Integrato“, che farà tappa a Marsicovetere il 22-23 marzo.

Utilizzare lo sport come strumento educativo per promuovere le pari opportunità e contribuire alla riduzione delle diseguaglianze. Lo scopo del progetto è far conoscere al livello nazionale una nuova disciplina sportiva il “football integrato” giocata insieme da atleti disabili e non disabili. L’inclusione culturale dei disabili ha portato a redigere  un regolamento sportivo che ha preso forma nella “Carta dei Valori“, è uno degli obiettivi primari è aumentare le adesioni praticando lo sport integrato.

Le attività principali del progetto sono due:

  • Percorso di alternanza scuola-lavoro in 20 scuole (partito ad ottobre 2018 – giugno 2019)

Gli Studenti delle 20 scuole italiane stanno lavorando sulla “Carta dei Valori dello sport Integrato” affinché si possa promuovere la cultura della valorizzazione delle differenze al fine di facilitare contesti di accoglienza delle diversità, di integrazione sociale e di socializzazione; il percorso di alternanza sarà gestito da dei tutor scolastici, che avranno la funzione di facilitatori di apprendimento coinvolgendo gli studenti, e ogni tutor  contribuirà alla definizione della testo condividendo le indicazioni raccolte durante l’attività svolte con gli studenti.

  • Viaggio della Carovana in 20 regioni italiane (marzo – maggio 2019)

Il traguardo del viaggio sarà l’integrazione delle diversità di genere, età , abilità, nazionalità e condizioni sociali delle persone. Con un pullman attrezzato si attraverserà tutta la nostra penisola raggiungendo le 20 stazioni del programma per creare un linguaggio universale che possa integrarsi con la diffusione dello sport dilettantistico. Il viaggio si potrà seguire online con diretta streaming sulla pagina facebook e sito internet http://www.carovanasportintegrato.it/  e prevederà in ogni regione un evento con seminario di formazione e una partita dimostrativa. L’intenzione del viaggio è coinvolgere oltre 500 atleti, con o senza disabilità, e ovviamente di diversa cultura e nazionalità.

Evento di partenza “Buon viaggio carovana”: Lazio – Roma

  1. Sicilia – Palermo – 18-19 Marzo
  2. Calabria – Reggio Calabria – 20-21 Marzo
  3. Basilicata – Marsicotevere (PZ) – 22-23 Marzo
  4. Puglia – Brindisi – 24-25 Marzo
  5. Campania – Napoli – 26-27 Marzo
  6. Molise – Riccia (CB) – 28-29 Marzo
  7. Abruzzo – Pescara – 30-31 Marzo
  8. Marche – Ascoli Piceno – 1-2 Aprile
  9. Emilia Romagna – Vignola (MO) – 3-4 Aprile
  10. Veneto – Vigasio (VR) – 5-6 Aprile
  11. Friuli Venezia Giulia – Lignano Sabbiadoro (UD) – 7-8 Aprile
  12. Trentino Alto Adige – Cavareno (TN) – 9-10 Aprile
  13. Lombardia – Meda (MB) – 11-12 Aprile
  14. Piemonte – Torino – 13-14 Aprile
  15. Valle D’Aosta – Pont-Saint-Martin (AO) – 15-16 Aprile
  16. Sardegna – Sennori (SS) – 3-4 Maggio
  17. Liguria – Quiliano (SV) – 5-6 Maggio
  18. Toscana – Serravalle Pistoiese (PT) – 7-8 Maggio
  19. Umbria – Narni (TR) – 9-10 Maggio
  20. Lazio – Roma – 11-12 Maggio –> Evento conclusivo “Bentornata carovana”

 

Durante la conferenza stampa hanno preso la parola tutti gli enti coinvolti nel progetto.

Sergio Claudio Cantiani, Sindaco di Marsicovetere, “quella di stamattina è stata una interessante iniziativa a cui abbiamo dato da subito il patrocinio come comune di Marsicovetere appena ci è stata presentata. Lo sport come mezzo per abbattere i muri del l’indifferenza che ancora oggi sono presenti verso il mondo della disabilità. È necessaria un salto culturale è una rinnovata capacità di ascolto di un mondo che per troppo tempo ha vissuto la solitudine e la indifferenza della società civile. Oggi le cose stanno cambiando ma ancora la strada da percorrere e molta, la ritrovata attenzione delle istituzioni europee, nazionali e regionali oltre a quelle locali aprono nuovi orizzonti per una società solidale e inclusiva dove la diversità possa rappresentare una opportunità e dove ognuno di noi deve dare il proprio contributo perché le nuove generazioni possano cogliere i risultati di questo cambio culturale di cui tutti noi oggi avvertiamo la necessità e siamo chiamati a dare il nostro contributo tutti“;  Maria Giano, Dirigente Scolastico Istituto Omnicomprensivo Marsicovetere;  Sandro Caffaro, Presidente CSEN Basilicata (Centro Sportivo Educativo Nazionale); Andrea Bruni, Responsabile Ufficio Progetti CSEN  Nazionale, il progetto Carovana dello Sport non è fine a se stesso ma ne porta con se altri e di come i 900 mila euro spesi dal Ministero serviranno al progetto non solo per la coesione sociale attraverso lo sport ma sono anche un’occasione di lavoro dentro il programma; Michele Saracino, Presidente CIP (Comitato Italiano Paralimpico) Basilicata, ha evidenziato l’assenza grave del CONI nel progetto e di come ancora molte barriere architettoniche devono essere sistemate nelle scuole; Michele Giorgio, Delegato Regionale FISDIR (Federazione Italiana Sport Paralimpici degli Intellettiva Relazionali) Basilicata; Antonio Iallorenzi, Referente Scuola Regionale FISDIR Basilicata, l’inclusione nelle scuole lucane è presente manca solo un tassello importante di unione dopo la scuola: far diventare atleta il disabile; Laviero Latorre, Responsabile Alternanza Scuola-Lavoro; Maurizio Marchese, Professore Referente Progetto, ha relazionato sul ruolo importante della famiglia per una corretta educazione dello sport; Antonio Cerqua, Professore Referente Centro Sportivo Scolastico Marsicovetere; Giannangelo Briglia, Consigliere degli ordini degli Architetti della Provincia Di Potenza; Pasquale Scavone, Consigliere di amministrazione della FARBAS.

Laura Aulicino, Coordinatore e Tutor Scolastico di progetto CSEN Basilicata, spiega di come il progetto è proposto dal Centro Sportivo Educativo Nazionale CSEN, realizzato con il finanziamento concesso dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali, grazie a Francesco Proietti Presidente CSEN Nazionale e all’Ufficio progetti responsabile Andrea Bruni e Sandro Caffaro Presidente CSEN Basilicata. Ringrazia in maniera particolare l’amministrazione Comunale di Marsicovetere in particolar modo al Sindaco Claudio Cantiani, per la disponibilità e sensibilità dimostrata verso il progetto “CAROVANA DELLO SPORT INTEGRATO, la Dirigente Scolastica dell’Istituto Omnicomprensivo di Marsicovetere Prof. Maria Giano, per la disponibilità alla collaborazione ed attuazione delle attività progettuali presso l’Istituto Agrario “Rocco Scotellaro”, il Prof. Marchese Maurizio e Cerqua Antonio, per la disponibilità e collaborazione per le attività di alternanza scuola lavoro, i ragazzi della 3°A e 3 B coinvolti.  Conclude il suo intervento la Coordinatrice Aulicino: “si è avuta una buona risposta del territorio, vista anche la presenza in sala di amministratori locali, docenti di altri istituti di ordine e grado, associazioni del territorio, fondazioni, cooperative sociali case alloggio, genitori di ragazzi, e cittadini. Stiamo ricevendo molte richieste di partecipazione e di collaborazione per l’evento che si terrà a Marzo a Villa d’Agri di Marsicovetere il 22 e 23 marzo 2019“.

Alcune foto dell’evento di presentazione:

Il video che spiega il Football integrato:

 

 

Potrebbe interessarti
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com