Cronache

Le piogge torrenziali degli ultimi giorni hanno causato gravi danni ad aziende agricole


La Cia-Agricoltori è impegnata in una prima ricognizione per una verifica dei danni.

In Val d’Agri quasi tutti i territori comunali e gli areali agrari sono stati colpiti. In particolare in più punti è esondato il torrente Molinara. L’agriturismo Antico Mulino  in agro di Missanello è di nuovo sott’acqua. Il titolare lamenta lo stato di dissesto del suolo che ha una storia “antica”: “ Non se ne può più. Qualcosa non funziona, e quando una cosa non funziona si prova di aggiustarla (e ci abbiamo provato) altrimenti bisogna cambiarla costi quel che costi. Ora basta!!!”

Nell’area del  Marmo-Melandro vari laghetti  hanno tracimato l’acqua provocando danni ai terreni  golenali;  in provincia di Matera soprattutto nella collina Materana oltre al fiume Sinni in agro di Valsinni si ripropone la necessità di manutentare i corsi acqua principali cosi come  il reticolo idrografico minore che spesso sono in totale stato di abbandono. Nel Metapontino in alcuni punti del fiume Agri ci sono stati  straripamenti dovuti alla piena del fiume.

La viabilità rurale ed interpoderale di collegamento con le aziende agricole risulta in più parti compromessa sino ad isolare del tutto famiglie di agricoltori.

La Cia-Agricoltori sollecita il Dipartimento Agricoltura a predisporre sopralluoghi per avviare l’iter della richiesta di riconoscimento della calamità naturale e consentire gli indennizzi. La questione è più generale e riguarda la manutenzione del territorio e delle aree golenali che nei casi di piogge persistenti sono le più vulnerabili.

Non e più rinviabile anche in ragione dei cambiamenti climatici che generano in modo sempre più ricorrenti eventi estremi  la definizione da parte della Regione, attraverso il Consorzio di Bonifica, un piano Regionale per la manutenzione  degli alvei fluviali e delle reti idrografici minori. Strettamente intrecciata è la proposta di assegnare agli agricoltori, custodi del territorio che vivono, compiti di manutenzione senza spendere un euro nel senso che gli stessi compenserebbero con gli oneri dovuti allo Stato e in particolare al Consorzio di Bonifica che, come è noto, non è in grado nemmeno di garantire la pulizia ordinaria dei canali.

 

Potrebbe interessarti
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com