PoliticaPrimo Piano

Il sindaco di Viggiano Cicala battezza il suo movimento su scala regionale

Il prossimo appuntamento sarà a Potenza dove sarà scelto il nome e redatto lo statuto


«E’ un movimento, non un partito». Il primo cittadino di Viggiano, Amedeo Cicala, per ora, ci tiene a precisare che il neo soggetto politico lanciato nei giorni scorsi, dinnanzi ad una folta platea di amministratori, esponenti politici e semplici cittadini, è un movimento a livello regionale. “Autonomista” è la parola chiave che lo racchiude. Un movimento in vista delle elezioni regionali del prossimo autunno.

Cicala Amedeo

«Un movimento che sta nascendo – ha spiegato il sindaco – e ad oggi ha già avuto l’appoggio di tanti amministratori sia del potentino che del materano». Ebbene si perché il nuovo soggetto non guarda solo la Val d’Agri ma all’intero territorio della Regione Basilicata. «Ripartire dal basso – leva Cicala – per arrivare in alto». Basi e “pilasti” del movimento sono collegati ad una maggiore autonomia e decentramento dei poteri. Non nasce come partito e «non ha un’inclinazione – commenta – ideologica tradizionale». Certo si può “sposare” con chi è concorde nelle linee programmatiche del Progetto, con al centro il “capitolo” infrastrutture e la realizzazione di grandi opere, il rilancio economico di molte aree industriali del territorio tutt’oggi in “depressione” e l’occupazione. Il monito di un Europa unita ma con regole finanziarie diverse nel guardare ai servizi essenziali di un territorio, “le cui risorse non siano vincolate con l’assurdo che in alcune realtà si ridimensionano gli ospedali mentre invece si è costretti a spendere fondi europei in progetti che potrebbero essere tranquillamente meno essenziali”. Intorno al progetto «c’è grande entusiasmo – aggiunge il Primo cittadino – si discute e ci si confronta sui programmi e le cose operative”.

Insomma per l’amministratore il percorso è iniziato per avere una Basilicata diversa. Il primo incontro che si è tenuto a Viggiano ha avuto la presenza di circa un centinaio di amministratori e rappresentanti di enti istituzionali sia della provincia di Potenza che del materano, oltre poi ad esponenti della società civile. Prossima tappa? “L’altro incontro – evidenzia Cicala – lo faremo nel capoluogo e si deciderà il nome del movimento e la stesura dello Statuto e successivamente inizieremo con gli incontri sui vari territori della Basilicata ».

Angela Pepe – Il Quotidiano del Sud

Potrebbe interessarti
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com