Il Ministero boccia i test rapidi sierologici per rilevare il Covid-19: “non hanno un’elevata predittività”

Molti comuni hanno già acquistato o sono in procinto di acquistare test rapidi (Moliterno qualche giorno fa ha mandato una comunicazione in regione) basati sull’identificazione di anticorpi (IGM e IGG) al fine di effettuare screening sulla popolazione.

A riguardo è  il caso di riportare quanto citato nell’ultima circolare del Ministero della Salute del 3 aprile 2020 che testualmente rileva “i test rapidi basati sull’identificazione di anticorpi IGM e IGG specifici per la diagnosi da SARS-COV2, secondo il parere espresso dal CTS (Comitato Tecnico Scientifico, n.d.a.), non possono, allo stato attuale dell’evoluzione tecnologica, sostituire il test molecolare basato sull’identificazione di RNA virale dei tamponi nasofaringei secondo i protocolli indicati dall’OMS“.

 Ancora, la suddetta nota ministeriale rappresenta che “il risultato qualitativo ottenuto su un singolo campione di siero non è  sufficientemente attendibile per una valutazione  diagnostica, in quanto  la rilevazione della presenza di anticorpi mediante dei test rapidi non è comunque indicativo di un’infezione acuta in atto, e quindi della presenza di virus nel paziente e rischio associato a una sua diffusione nella comunità. Inoltre, per ragioni di possibile cross-reattività con altri patogeni affini come altri coronavirus umani, il rilevamento degli anticorpi potrebbe non essere specifico della infezione da SARS-CoV2. Infine, l’assenza di rilevamento di anticorpi (non ancora presenti nel sangue di un individuo per il ritardo che fisiologicamente connota una risposta umorale rispetto all’infezione in atto in fase precoce o asintomatica e relativo rischio di contagiosità dell’individuo”.

In estrema sintesi la nota del Ministero chiarisce che i test rapidi sierologici non hanno un’elevata predittività in quanto presentano una rilevante possibilità di fornire risultati falsi negativi e falsi positivi. 

Nonostante ciò si ritiene utile poter effettuare tali test soltanto come iniziali e generici screening riservati però a specifiche categorie di persone.

Tanto premesso si ritiene indispensabile limitare l’effettuazione dei succitati test soltanto agli operatori sanitari e alle FF.OO. in accordo con il Dipartimento delle Politiche della Persona, predisponendo un piano definito che prevede, tra l’altro, precisi criteri di esecuzione dei test.

Potrebbe interessarti
Articoli correlati
Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close
Close
RICEVI GRATIS LE NOSTRE NOTIZIE